Pubblicità
Pubblicità

Vodafone, #wind Tre, #tim e Fastweb sono 4 delle compagnie telefoniche più conosciute in Italia che, nelle scorse settimane, erano state avvertite da Agcom per quanto riguarda le bollette con scadenza ogni 28 giorni. L'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni aveva "minacciato" le aziende sopra citate che avrebbe applicato severe sanzioni nel caso in cui queste ultime non avessero rispettato delle regole fondamentali in merito alla cadenza temporale delle fatturazioni inviate ai consumatori.

Arriva la sanzione per Wind Tre, Tim, Vodafone e Fastweb

Una recente delibera emanata da Agcom prevede che le scadenze delle bollette telefoniche avvengano ogni 30 giorni, ma nonostante ciò Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb hanno continuato ad applicare una tempistica di scadenza a 28 giorni, che gli ha consentito di incrementare i rispettivi introiti.

Pubblicità

I consumatori di queste compagnie telefoniche hanno protestato vivacemente, spingendo Agcom ad intervenire in favore dell'utenza, inviando un avviso ai vari operatori, affinché tornassero a rispettare i termini contrattuali tutt'ora vigenti in Italia.

Le società, però, a quanto pare non hanno fatto marcia indietro e hanno continuato ad andare avanti per la loro strada. E così nelle ultime ore sono arrivare delle multe da parte di Agcom nei confronti di Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb.

Compagnie telefoniche multate: ecco a quanto ammonta la cifra

Molti consumatori si sono sentiti "truffati" [VIDEO] dal comportamento delle suddette aziende, poiché, a conti fatti, con una scadenza delle fatture a 28 giorni, al cliente veniva fatto pagare quasi un mese in più di utenza rispetto a quanto avrebbero dovuto realmente versare.

Pubblicità

Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb sono andate incontro alla sanzione più alta prevista per questo comportamento scorretto nei confronti dei rispettivi abbonati. A quanto ammonta la cifra?

La #multa è di ben 1,16 milioni di euro per ciascun operatore, e questa somma dovrà essere versata al Fisco entro il decorrere del 2018.

L'intervento deciso dell'Agcom, però, non fa dormire sonni tranquilli ai clienti di queste compagnie telefoniche, i quali temono che le società possano rifarsi su di loro, introducendo delle promozioni sempre più costose e meno convenienti. Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi mesi.

Se volete continuare a rimanere aggiornati sulle ultime news [VIDEO] che riguardano il mondo della tecnologia, della cronaca, della salute e del gossip, potete cliccare sul tasto "Segui" che si trova in alto, accanto al nome dell'autrice di quest'articolo.