Erano le 8:00 del mattino del 25 aprile del 1945, quando, tramite un messaggio diffuso alla Radio, il Comitato di Liberazione Nazionale, impone la resa ai presidi nazisti e fascisti; prende il potere e condanna a morte gli esponenti del governo fascista insieme al loro capo, Benito Mussolini. Nella Resistenza persero la vita circa 35mila partigiani; 10mila civili furono uccisi in azioni di rappresaglia; 33mila militari morirono nei campi di concentramento; 8mila furono deportati nei lager e 32mila partigiani caddero all'estero. Furono invece 70mila le donne che vi parteciparono prendendo parte a gruppi di difesa o in azioni di guerra partigiana.

Pubblicità
Pubblicità

Di loro 16 furono insignite di medaglia d'oro. I numeri delle donne che caddero durante la Resistenza o vennero deportare sono elevati: circa 4.560 furono arrestate, torturate e/o fucilate.

Frasi per Fb e WhatsApp per il 25 aprile 2017

Istituita dal presidente del Consiglio De Gaspari, la Festa della Liberazione venne fissata nella giornata del 25, con il decreto del 22 aprile del '46, anche se fino al 27 maggio 1949 non fu istituzionalizzata. Ecco qui di seguito alcune frasi e citazioni in commemorazione di questa giornata, da leggere, da ricordare, da inviare come augurio, o da scrivere nel vostro stato su Facebook o WhatsApp. Abbiamo voluto inserire anche alcuni stralci di lettere inviate da 'Le donne nella Resistenza', che abbiamo ritenuto tra le più belle e le più toccanti.

Pubblicità

1. Fischia il vento urla la bufera, scarpe rotte e pur bisogna andare conquistare la rossa primaveradove sorge il sol dell'avvenir.a conquistare la rossa primaveraove sorge il sol dell'avvenir.Fischia il vento: Canto della Liberazione

2. Cari ragazzi, io a 17 anni e un mese con i partigiani ho visto nascere la democrazia, ora che sono vecchio devo vederla morire? La speranza siete voi, restiamo umani! (Don Andrea Gallo)

3. Qui vivono per sempre gli occhi che furono chiusi alla luce perché tutti li avessero aperti per sempre alla luce (Per i morti della resistenza Giuseppe Ungaretti)

4. La volontà è il vero potere che ci rende liberi, permettendoci di resistere ad ogni oppressione.

5. Era giunta l’ora di resistere; era giunta l’ora di essere uomini: di morire da uomini per vivere da uomini (Piero Calamandrei).

6. Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati.

Pubblicità

Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra costituzione (Piero Calamandrei).

7. È meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature(Sandro Pertini).

8. Avevo un paesaggio. Ma per poterlo rappresentare occorreva che esso diventasse secondario rispetto a qualcos'altro: a delle persone, a delle storie. La Resistenza rappresentò la fusione tra paesaggio e persone (Italo Calvino).

9. Un popolo rimane libero anche se lo mettono in catene, se lo spogliano di tutto, se gli chiudono la bocca; un popolo rimane ricco anche se gli tolgono il lavoro, il passaporto, la tavola su cui mangia, il letto in cui dorme. Un popolo diventa povero e servo quando gli rubano la lingua ereditata dai padri: allora sì, è perso per sempre! (Ignazio Buttitta poeta siciliano)

10. [...] I’ll go on to the end. I’ll never give up. Andrò avanti fino alla fine. Non mollerò mai (Beppe Fenoglio, Il partigiano Johnny)

11. Sarà mai possibile avere una festa nazionale che sia davvero di tutti, come il 14 luglio per i francesi o il 4 luglio per gli americani, un giorno in cui l’orgoglio e l’appartenenza vincano le divisioni e le polemiche?(Mario Calabresi)

12. La libertà è condizione ineliminabile della legalità; dove non vi è libertà non può esservi legalità (Piero Calamandrei).

13. Tieni conto di questa mia lettera fino all'ultimo respiro della tua vita, quando ti sarà possibile, portami un mazzo di fiori ed io ti sarò presente e risentirò la tua cara voce (Gesuino Manca).

14. Ogni vera libertà personale non può esprimersi altrimenti che nel poter scegliere il modo di rinunciarvi (Vittorio Foa).

15. 'A voi converrà il dovere di addolcire il dolore di mia madre; ditele che sono caduta perché quelli che verranno dopo di me possano vivere liberi come l'ho tanto voluto io stessa. Sono morta per attestare che si può amare follemente la vita e insieme accettare una morte necessaria'. (Le donne nella Resistenza)

16. 'Mio caro marito, il mio ultimo respiro sia ancora di ringraziamento al destino che mi ha concesso di amarti e di vivere sette anni con te. Avrei tanto voluto vederti ancora una volta, ma poiché non mi sono concessi favori, sono troppo fiera per fare una richiesta inutile'. (Le donne nella Resistenza)

17. Mettevano dentro la busta-paga un tagliandino dove c'era scritto 'Deve pagare 5 lire per il Partito Fascista, per la tessera del Partito Fascista'. Ci ho scritto su: 'Rifiuto'. [...] Tu sei passabile per il Tribunale speciale [...] hai rifiutato la tessera del fascio' [...] (Le donne nella Resistenza)

18. Simili a giganti incandescenti, cirri maestosi si ergono diritti nella seta del cielo, segnando la porte del Paradiso.L'arte sublime del creato invita l'uomo al simposio divino, ma noi combattenti del quarto reparto non possiamo obbedire al solenne richiamo. (Carlo Perasso)

19.[...] Sotto la morsa del dolore o sotto lo scudiscio della vergogna, gli immemori, gli indifferenti, i rassegnati hanno ritrovata dentro di sé, insospettata, una lucida chiaroveggenza: si sono accorti della coscienza, si sono ricordati della libertà [...] (Calamandrei)

20. 'Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.' (Antonio Gramsci)

Se desiderate continuare a seguirci, cliccate su 'Segui' alla fine del nostro articolo. #auguri 25 aprile #frasi 25 aprile #festa liberazione