La Croce Bianca di Orbassano cambia il proprio statuto, aprendo il servizio ai volontari con meno di 18 anni. Dal 20 luglio, infatti, sono entrati in servizio i primi tre ragazzi del nuovo Gruppo Giovani che andranno a coadiuvare i loro nuovi colleghi nelle attività dell'associazione. Una realtà dinamica, quella dell'ente orbassanese, che offre 12mila servizi dentro e fuori il comune. Accanto alle classiche mansioni di soccorso ed emergenza legate al 118, i volontari svolgono anche mansioni di assistenza socio-sanitaria per anziani e disabili non autonomi.

In particolare, il servizio "Amico Bus" offre la possibilità ai cittadini svantaggiati di raggiungere gratuitamente i centri ospedalieri della zona.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, grazie ad una convenzione con l'ASL 3, i malati di Alzheimer possono usufruire di un servizio navetta per raggiungere il "Centro Diurno Oasi" di Grugliasco. L'associazione mette a disposizione i propri mezzi anche per servizi a pagamento per i privati per il trasporto dei malati. Fin dalla fondazione, l'associazione ha a disposizione anche un nucleo locale di Protezione Civile. Il tutto grazie ai 282 volontari e ai 12 dipendenti che prestano il loro servizio nella sede di Strada Rivalta. Presto al team si uniranno anche i ragazzi del Servizio Civile.

La Croce Bianca di Orbassano è solo una delle 79 associazioni affiliate all'Anpas Piemonte, la cui sede piemontese si trova nel comune di Grugliasco e che vanta interventi quasi in ogni campo dell'assistenza gratuita. Un discreto numero di volontari si occupa di Protezione Civile, intervenendo su richiesta dei comuni o (in caso di grandi calamità) del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile.

Pubblicità

In caso di dispersi o di salvataggio in acqua, può mettere in campo unità cinofile di soccorso.

L'ente è attivo anche durante gli eventi sportivi e culturali del territorio, allestendo presidi sanitari e fornendo postazioni mediche anche avanzate durante le manifestazioni. Inoltre, l'Anpas si occupa anche di coadiuvare le procedure di adozione internazionale in alcuni paesi dei Balcani, dell'Africa meridionale e del Sud America. #Cronaca Torino