E' di pochissime ore fa la notizia del suicidio di un giovane #ragazzo di soli 18 anni nel quartiere del centro di #torino, la Crocetta.

Inspiegabile al momento il gesto

Il ragazzo questa mattina aveva fatto colazione con i suoi genitori, aveva salutato la sorella che ancora dormiva, come ogni mattina, ed uscito di casa per il suo primo giorno di scuola, a Torino le scuole iniziano oggi, ma anzichè scendere dalla propria abitazione per raggiungere la scuola il ragazzo è salito in cima al condominio dove abitava. Ha raggiunto il settimo piano, l'ultimo del palazzo in pieno centro a Torino, nel lussuoso quartiere della Crocetta e si è gettato dalla finestra del pianerottolo.

Pubblicità
Pubblicità

Il 18 enne, prima di lasciarsi cadere, ha lasciato lo zaino e le scarpe vicino alla finestra. Luca, questo è il nome del ragazzo è morto sul colpo, gettandosi dall'ultimo piano del condominio di via Vespucci dove viveva con la sua famiglia. Così in questa Torino nuovamente affollata di studenti che si recano a scuola, Luca ha deciso di togliersi la vita in un gesto drammatico. 

Al momento nessun indizio sul motivo del suicidio

Al momento non si ha ancora nessun minimo indizio sui motivi che hanno spinto il ragazzo a compiere questo gesto estremo.

I Carabinieri hanno ascoltato i genitori e la sorella del ragazzo, ma non hanno nemmeno loro idea dei motivi che hanno spinto Luca a togliersi la vita.

Sono stati esaminati anche computer e cellulare per poter scovare qualcosa di anomalo, ma anche li i Carabinieri non hanno trovato nulla.

Pubblicità

Le indagini per capire i moventi del suicidio vanno avanti, anche per dare una risposta alla famiglia rimasta incredula e sbalordita da questo triste gesto.

Al momento non ci sono minimi indizi per capire cosa poteva non andar bene nella vita di questo ragazzo di soli 18 anni, la famiglia non ha dichiarato di aver visto comportamenti strani da parte di Luca, e non si capacita di ciò che è successo.

I militari hanno dichiarato che andranno avanti con le indagini per poter dare risposte alla famiglia.