Intorno alle 17.30 di ieri un grosso #incendio è scoppiato a La Loggia, comune della cintura torinese. A prendere fuoco è stato un centro della Cmt, un’azienda privata che si occupa dello smaltimento a cielo aperto di rifiuti. La colonna di fumo scaturita dalle fiamme è stata visibile da molti chilometri di distanza, esattamente come l’odore acre di bruciato, sentito anche nel capoluogo piemontese. Nonostante l’allarme dato subito dagli operai presenti e il sistema di antincendio, le fiamme si sono propagate in fretta, grazie alle numerose cataste di spazzatura. Quattordici squadre di vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte per contenere e spegnere l’incendio e ancora oggi numerosi pompieri si sono occupati di spegnere i focolai ancora accesi.

Pubblicità
Pubblicità

L’incendio ha distrutto due capannoni, ma fortunatamente non si contano feriti né danni strutturali ad altre imprese limitrofe.

Fin dalle prime ore gli ingegneri dell’Arpa – agenzia regionale per la protezione ambientale – si sono messi al lavoro per accertarsi di eventuali danni ambientali, e soltanto intorno alle 10.30 di questa mattina hanno comunicato che “la combustione è nelle fasi di spegnimento avanzato e i valori strumentali sono tornati al di sotto dei limiti di rilevamento”.

Anche se sono ancora sconosciute le cause del rogo, la procura di #torino, insieme ai carabinieri di Vinovo hanno aperto una indagine per ricostruire i fatti e scoprire cosa ha dato il via all’incendio. Secondo le prime ricostruzioni a bruciare è stata una grossa catasta di materassi e reti in legno e in seguito le fiamme hanno raggiunto molti rifiuti ingombranti, tra i quali le masserizie rovinate dall’alluvione dello scorso novembre a Moncalieri.

Pubblicità

È la terza volta che il centro della Loggia è protagonista di questo tipo di incidenti: la prima fu nel 2009 e distrusse un capannone di 2000 metri quadrati, e una seconda nel giugno del 2015, quando bruciarono tonnellate di carta da macero. Anche in quella circostanza ci vollero due giorni per domare le fiamme.