Quanti seguono assiduamente il programma di cucina in onda su Raiuno in tarda mattinata, La prova del cuoco, ieri sarà rimasto spiazzato dall'assenza della ormai storica conduttrice Antonella Clerici. La simpatica e spigliata prima donna della Rai, che conduce anche un altro programma di successo in onda il sabato sera, Ti lascio una canzone, avrebbe patito un attacco di ernia lombare, risalente però a giovedì scorso, quando è stata registrata la puntata in onda ieri. Nella puntata la Clerici è stata sostituita da Federico Quaranta, quest'anno comunque nel cast del programma. La Clerici sarà comunque presente nella puntata di oggi.

Ma a parte questo fastidioso problema di salute, la conduttrice lombarda è al centro di una polemica e una sua dichiarazione è alla base di una richiesta del deputato del Partito democratico, nonché segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, al vertice dell'azienda pubblica televisiva, affinché avvii subito un'indagine interna per verificare quanto dichiarato dalla Clerici.

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo i particolari.

Il caso riguarda la sostituzione con la Isoardi

Il caso risale al 2008, quando la conduttrice di Raiuno rilasciò delle dichiarazioni alla versione online del Corriere della sera, riguardo la sua esclusione dalla 'Prova del cuoco' dal dicembre di quell'anno e per i ventuno mesi successivi, ma con il pretesto della sua maternità. Fu infatti rimpiazzata per lungo tempo da Elisa Isoardi (di recente agli onori delle cronache #Gossip per la presunta o vera storia col leader leghista Matteo Salvini). Secondo la Clerici la trasmissione non le fu assegnata neppure l'anno successivo. Di qui la richiesta di Anzaldi di aprire un'indagine, giacché sarebbe un abuso dei dirigenti dell'epoca. Resta ancor più grave per il fatto che si tratta di un servizio pubblico, dunque pagato con i soldi dei cittadini.

Pubblicità

Pertanto il parlamentare Pd richiede una verifica del direttore generale.

Vedremo se la sua richiesta andrà a buon fine. Certo che arriva con molto ritardo, ma dato che si tratta come detto di un'azienda pubblica, sarebbe giusto far luce sull'accaduto. Oltre al fatto che si tratta di una trasmissione molto popolare. #Canone Rai #programmi tv