#Sara Tommasi è ufficialmente diventata una dirigente sportiva. Dopo essersi messa alle spalle la storia, piuttosto tormentata, con Andrea Diprè, la show-girl ripartirà dal mondo del calcio, che l'ha accolta a braccia aperte. I video che hanno scandalizzato il web, in cui la Tommasi ed il critico d'arte parlavano in toni espliciti e volgari di droghe e sesso, sembrano ormai essere soltanto un brutto e lontano ricordo. La Tommasi ripartirà dal Marruvium, squadra militante nella Seconda Categoria dell'Abruzzo. La formazione, la cui sede è a San Benedetto dei Marsi, risiede in una città molto cara alla ragazza e nella quale la ragazza ha passato gran parte del suo tempo negli ultimi mesi per ricaricare le batterie e tornare quella di un tempo.

Pubblicità
Pubblicità

Sara Tommasi, le prime parole da dirigente sportivo

"Sto bene, ho passato un momento in cui non stavo in forma, ma adesso darò il meglio di me." Così ha commentato l'ex aspirante Velina, durante l'evento che ha sancito ufficialmente l'ingresso nel mondo del calcio. Poche ma concise parole che sembrano davvero sancire la svolta dal proprio passato, fatto di film hard, droghe, risalite, ma altrettante ricadute nel baratro. La piccola cittadina abruzzese, invece, l'ha accolta a braccia aperte, primo fra tutti il presidente del Marruvium Romeo D'Amore, che ha dichiarato:

“Siamo contenti ed onorati di avere in società una showgirl come Sara. Devo ringraziare il suo agente e nonché mio grande amico Settimio Colangelo, che ci ha dato questa grande possibilità. Siamo una società molto seria e si troverà sicuramente bene qui con noi.”

Non dimentichiamoci, però, che Sara Tommasi ha conseguito una laurea in economia e commercio presso l'Università Bocconi di Milano, la quale, a prescindere dai suoi sbagli, è comunque un titolo di studio importante.

Pubblicità

Esso dimostra, infatti, quanto l'ex partecipante all'Isola dei Famosi sia comunque una persona intelligente, colta e preparata, al di là dei suoi sbagli. Speriamo che con il suo ingresso nel mondo dello sport ed il suo ruolo di dirigente sportivo, seppur a livello dilettantistico, sanciscano il definitivo cambio di vita per lei.