Si è concluso ieri, martedì 21 ottobre, il programma di Rai 2 che ha riscosso consensi e risate trasversalmente a tutte le generazioni. Un programma fresco, brillante, leggero e divertente, che ha come protagonisti personaggi famosi, comici e sportivi del panorama televisivo italiano. il programma, condotto da un simpatico Amadeus nelle vesti del presentatore – capo comico, racchiude in una serata giochi semplicissimi e divertenti che tutti hanno fatto almeno una volta nella vita, tra feste di compleanno, animazione nei villaggi turistici, o per passare una serata allegramente nel salotto di casa, magari nel periodo delle feste in famiglia: si spazia dal mimo onomatopeico al telefono senza fili, fino ad arrivare alle canzoni che mettono alla prova l’arte dell’improvvisazione, ed all’inimitabile Stanza Inclinata, il vero fiore all’occhiello della trasmissione.

Pubblicità
Pubblicità

L’Italia che ride funziona, a giudicare dagli ascolti, i quali non deludono nemmeno quando gioca la Nazionale di calcio; nessun tipo di competizione, nessun giudice, nessun televoto, nessun bel vestito: le donne in scarpe da ginnastica e jeans, gli uomini che abbandonano la giacca appena il gioco si fa movimentato. E tutti giù per terra a ridere per uno sketch, tra risate e simpatia. E con l’ashtag #STEP, tantissimi italiani si sono divertiti a commentare le peripezie del Mago Forrest, Iacchetti in compagnia del figlio, Alessandra Celentano, Tania Cagnotto, e tanti altri comici.

Il format nasce in Francia, va in onda su TF1 (la prima emittente televisiva d’oltralpe), e proprio come spiega Amadeus in un’intervista rilasciata a Panorama, è stato leggermente adattato ai gusti degli italiani, e sperimentato in prima serata.

Pubblicità

Nemmeno il conduttore veterano del nostro piccolo schermo si aspettava tanto successo, e tanto meno si aspettava che si parlasse di una seconda edizione. Ci toccherà attendere la primavera, o settembre, per rivedere i VIP di casa nostra che si cimentano in giochi, balli e non smettono di ridere a crepapelle proprio come noi telespettatori sul divano. #Televisione