Ci ha pensato il World Economic Forum a tranquillizzare i viaggiatori di tutto il mondo, stilando la top ten dei paesi più sicuri.

Il rapporto, contenuto nel "The Travel and Tourism Competitiveness Index" #2017, presenta non poche sorprese ma garantisce l’affidabilità delle informazioni al 100%.

Da undici anni, infatti, il WEF ha chiesto alle aziende leader nei settori #viaggi e turismo di compilare un’analisi approfondita sulla competitività di tutti e 136 paesi del globo.

Come viene misurato l’indice di sicurezza di un paese

L’indice misura l'insieme dei fattori e delle politiche che consentono lo sviluppo sostenibile del settore turistico, che a sua volta contribuisce allo sviluppo di un paese.

Pubblicità
Pubblicità

Ovviamente, la sicurezza è il pilastro senza cui nessun paese riuscirebbe ad attrarre visitatori: quanti di voi si recherebbero a visitare i siti archeologici della Siria o dell’Iraq? Quanti avrebbero voglia di portare la famiglia in vacanza in Corea del Nord?

Domande retoriche a cui il rapporto del WEF – nella sezione relativa a “Safety and security” - riesce a dare una risposta consapevole.

In una scala da 1 a 10 il valore più alto indica un paese dove viaggiare è più sicuro; un paese che non espone i turisti a gravi rischi di danni alle persone, dove per gravi danni si intende violenza e terrorismo, mentre la piccola criminalità non viene presa in considerazione.

La classifica dei 10 paesi più sicuri al mondo

Se non desta alcuna sorpresa che ai primi posti vi siano paesi nord europei, fa riflettere il fatto che in classifica sia presente anche il Ruanda.

Pubblicità

Protagonista in negativo del genocidio più drammatico della storia recente, oggi il paese è completamente cambiato e riesce ad attirare quasi un milione di turisti l’anno, secondo quanto riferiscono gli ultimi dati della Banca Mondiale.

E se ce l’ha fatta il Ruanda a migliorare la propria classifica, lo stesso può fare l’Italia, che latita al 70° posto con un rating di 5.4.

Ecco la top ten.

1) Finlandia - rating: 6.65

2) Emirati Arabi Uniti - 6.6

3) Islanda - 6.57

4) Oman - 6.49

5) Hong Kong - 6.47

6) Singapore - 6.45

7) Norvegia - 6.41

8) Svizzera - 6.41

9) Ruanda - 6.39

10) Qatar - 6.33

Vogliamo chiudere con una considerazione politicamente scorretta che, però, dovrebbe far molto riflettere: in tutti i paesi presenti nella prime dieci posizioni in classifica l’immigrazione clandestina viene combattuta seriamente e le pene per chi sgarra sono durissime.