Allerta maltempo nelle ultime ore nella maggior parte delle regioni italiane; violenti nubifragi interessano la penisola, con disagi nei trasporti e alla popolazione.

Disagi nella capitale

A Roma le precipitazioni non cessano dalla scorsa notte, con un'ondata di pioggia e vento che sta mettendo in ginocchio la capitale. Il traffico è in tilt: la protezione civile sconsiglia l'ingresso in città, reso problematico dall'allagamento del tratto di A1 in corrispondenza di Roma Nord. Critica anche la situazione in zona sud-ovest della città; il Campidoglio decide per la riapertura delle zone a traffico limitato per alleviare le congestioni che si sono registrare nelle prime ore di questa mattina.

Ritardi si sono registrati nel servizio autobus della capitale, anche se gli ultimi dati parlano del 93% di mezzi regolarmente in servizio. Problematiche per il trasporto ferroviario con la chiusura della tratta Roma-Frascati, bloccata per danni ai cavi elettrici provocati dal forte vento.

Si assiste alle inondazioni di alcuni affluenti minori, con danni anche per i cittadini: due persone sono state recuperate su un'imbarcazione sul Tevere in balia della corrente. Gli abitanti di Prima Porta sono stati soccorsi in mattinata a causa di un allagamento che gli ha costretti a trovare rifugio sui tetti delle abitazioni. Diversi i casi di soccorso in alcuni sottopassaggi della città, così come nelle cantine e garage delle abitazioni.

Disagi anche per il trasporto metropolitano, con alcuni utenti che segnalano infiltrazioni d'acqua nelle stazioni di Conca d'oro e Valle Aurelia.

Acqua alta a Venezia 

Tradizionale acqua alta a Venezia, che interessa la città ormai da quattro giorni. Registrata una punta di 125 centimetri, ma il peggio è previsto per la serata con un livello massimo atteso di circa 140 centimetri interessando oltre il 50% del suolo cittadino.

La marea non calerà fino alla serata di domani 1 febbraio.

Firenze e Toscana

A Firenze la situazione rimane sotto controllo, come evidenziato in mattinata dallo stesso sindaco Matteo Renzi. Il primo cittadino invita a comunicare al numero telefonico 055 055 eventuali segnalazioni di disagi e problematiche in città.

Più critico invece il caso di Pisa, dove l'esondazione del Cecina ha provocato l'interruzione del trasporto ferroviario tra Pisa e Livorno; per assicurare il servizio agli utenti, Trenitalia ha predisposto bus alternativi (Sul sito le informazioni complete).

Situazione sotto controllo anche ad Arezzo, con la piena dell'Arno che per ora non preoccupa: il monitoraggio è continuo e si prevede una diminuzione delle piogge a monte nelle prossime ore.

Trentino Alto Adige 

Forti nevicate in Trentino e alto pericolo di valanghe. Registrati livelli variabili fino a un metro di neve, con conseguente comunicato diramato in mattinata che decreta nel grado quarto il pericolo per la popolazione. Previsioni in peggioramento nelle prossime ore, con alzamento a grado cinque previsto per la giornata di domani. Chiuso il passo del Tonale e bloccata la ferrovia della Valsugana, con invito ai cittadini di prestare attenzione per le critiche condizioni di viabilità causate da nevi e forte vento.

Friuli Venezia Giulia 

Una slavina ha causato danni nella notte nel comune di Erto, senza problemi per la popolazione locale se non alcuni rallentamenti nella viabilità che vedono già al lavoro tecnici e personale preposto.

Previsione per i prossimi giorni

Non miglioreranno le condizioni nei prossimi giorni: le previsioni dicono si registreranno precipitazioni abbondanti su tutta Italia, con nevicata anche a bassa quota.

Dovremmo attenere mercoledì 5 febbraio per vedere un netto miglioramento, con il tempo che tenderà al soleggiato registrando una sostanziale diminuzione delle piogge.