Gli animali domestici sono veri e propri componenti della famiglia, in molti casi veri e propri animali da compagnia per bambini e anziani, se pensiamo ai cani e gatti che vivono tra le nostre mura. In Italia, il 56% delle famigliepossiede un animale domestico. Ciò comporta non solo diritti e doveri, ma anche imprevisti e difficoltà. Tra le assicurazioniinerenti i nostri amici a quattro zampe, c'è la classica Rc verso terzi che entra in gioco qualora l'animale arrechi danni a oggetti o persone, e le assicurazioni di tipo preventivo/sanitario che hanno il compito di tutelare la vita dell'animale o del padrone.

L'assicurazione Rc, fino a poco tempo fa obbligatoria per legge, oggi lo è diventata solo per gli animali domestici che in passato hanno aggredito qualcuno, mentre si stanno diffondendo sempre di più lepolizze assicurative, dal costo contenuto, che riguardano il settoremedico-assistenziale. Un business in forte crescita vista la platea di circa 60 milioni di animali che vivono nelle nostre case.

C'è chi li abbandona e chi invece li ama e decide di sottoscrivere una polizza assicurativa per la loro cura.

È il caso del nuovo progetto"sempre amici",nato dalla collaborazione tra la compagnia assicurativa Metlife, il broker assicurativo Mida e l'ente per la protezione degli animali Enpa. La polizza garantisce il futuro degli animali domestici in caso di ricovero, invalidità permanente totale o decesso improvviso da incidente del proprietario. Se dovesse verificarsi uno dei casi sopra elencati, l'assicurazione garantisce la gestione e il mantenimento dell'animale.

Il premio della polizza è contenuto e si aggira sui 25 euro annuali, prevede un rinnovo automaticoche non contempla, tra le coperture, i casi di malattia del proprietario.

Per il momento si può sottoscrivere solo online,accedendo al sito dedicato "sempreamici.it".In caso di morte del proprietario, la polizza prevede un pagamento di un importo fisso di 10 mila euro, di cui 6 mila in contanti e la rimanenza in buoni per l'acquisto di alimenti.

Se si verifica una situazione di invalidità permanente a seguito di un infortunio, il meccanismo di pagamento è identico, ma di importo minore. Viene erogata la somma di 5 mila euro, di cui 3 mila in contanti e il resto della cifra in buoni per l'alimentazione dell'amico a quattro zampe. Nel caso, invece, di ricovero per infortunio, la polizza garantisce una diaria di 35 euro al giorno per le cure dell'animale, sia esso cane, gatto, criceto o cavallo, in assenza del proprietario.

La copertura della polizza dura fino al 70esimo compleanno del proprietario che, però, in qualità di beneficiario, può essere sostituito eventualmente da un erede, da una persona di fiducia o dall'Enpa. L'assicurazione non è pignorabile o sequestrabile, non è impugnabile dagli eredi e presenta un costo piuttosto contenuto. Gestire e curare un animale domestico ai giorni nostri comporta una serie di spese che, grazie alla sottoscrizione delle varie polizze disponibili sul mercato, possono essere in qualche modo ammortizzate.

Non bisogna dimenticare, inoltre, che le spese veterinariesostenute per la cura degli animali legalmente dichiarati, possono essere scaricate dalle tasse. Si può detrarre dall'Irpef il 19% della somma eccedente i 129,11 euro con un minimo di spesa annua previsto in 387,34 euro.

Segui la nostra pagina Facebook!