Sabato scorso al 'Numeber One' di Brescia si è esibito Tekashi 6ix9ine, giovanissimo rapper americano di fama internazionale, che sul palco dell'unica data italiana del suo tour europeo ha voluto portare anche un fan d'eccezione, ovvero Mario Balotelli. Alla serata erano presenti, in veste di semplici spettatori, moltissimi personaggi noti del Rap game made in Italy: addetti ai lavori, organizzatori di eventi, produttori e soprattutto rapper, dato che 6ix9ine gode di notevole popolarità tra gli artisti hip hop italiani.

Nerone non fa la foto e si prende gli insulti

Tra questi anche Nerone, protagonista suo malgrado di un episodio che ha suscitato le ire di un supporter, originando un battibecco on line che in queste ore sta riempiendo le cronache del rap-web.

Ciò che ha dato fastidio al sopracitato supporter è stato il rifiuto del rapper a farsi fotografare con lui. Il giovane ha voluto quindi manifestare tutto il suo rammarico, esponendo il suo punto di vista con una storia pubblicata su Instagram – diventata virale nel giro di poche ore – nella quale, oltre a definire Nerone come 'uno che si comporta da VIP', ha letteralmente insultato l'artista.

Queste le parole del ragazzo: "C'era troppa gente, sono riuscito a vedere 6ix9ine soltanto all'uscita.

Però c'era un sacco di gente famosa, l'unico st****o che non ha voluto farsi una foto con me è stato Nerone, che ha voluto fare il VIP. Credo che la serata sia stata organizzata male".

Una foto con Nerone ? Per stasera solo abbracci

A dir poco piccata la replica di Nerone, che ha risposto per le rime all'autore della storia.

Il rapper ha voluto puntualizzare la situazione, spiegando di non aver fatto foto con nessun supporter durante il concerto bresciano di Tekashi 6ix9ine, ma di essersi tuttavia concesso a numerosi abbracci e dimostrazioni di affetto.

Queste le parole dell'autore di 'EMME I': 'L'album delle figurine lo finisci l'anno prossimo, co****ne.

Non sono obbligato a fare foto con te, ieri ho suonato e poi ho guidato due ore per andare a vedermi un concerto per fatti miei. Non ho mai capito perché bisogna sempre prendersela con chi non si fa trattare come un oggetto. Con la faccia che hai, la prossima volta la foto te la faccio a sberle. Non siamo i giocattoli di nessuno, non permettetevi mai più.

Ieri sera tutti quelli che mi hanno chiesto una foto si sono sentiti rispondere 'Frate, stasera niente fotografie, ma se vuoi ti abbraccio fortissimo'. Non siamo i mostri che cercate di dipingere, ma nemmeno i vostri stupidi giochini.

Un ragazzino viziato e maleducato se ne esce così, dopo che ho passato la serata ad abbracciare persone come un pazzo. Poi non dite che ce la tiriamo, forse siete voi che ci fate passare la voglia".