Juventus - Zuniga, atto secondo. Dopo che le due parti si erano allontanate in seguito al famoso saltello del colombiano durante l'amichevole del Napoli, Conte ha deciso di passarci sopra ed ha chiesto a Marotta di riprovarci per ingaggiarlo. Anche perché altrimenti andrebbe in fumo un lavoro che va avanti da mesi e che ha portato all'accordo con il calciatore sulla base di un ingaggio da 2,5 milioni a stagione.

Il Napoli si è sempre opposto all'introduzione di qualche contropartita, ma viste le difficoltà ad arrivare a Jackson Martinez, e visto che Giroud non convince pienamente, De Laurentiis per una volta potrebbe chiudere un occhio e accettare un attaccante bianconero.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Sì ma chi? Per la Juve Vucinic o Matri non fanno differenza. Forse i bianconeri preferirebbero il montenegrino perché permetterebbe di incassare un conguaglio più alto, ma siamo davvero al 51 e 49%.

Attualmente le strade sono due: se viene inserito Vucinic, la Juve chiede Zuniga più un assegno di 12 milioni di euro, se invece passa Matri, l'assegno sarà di 9 milioni. Tale proposta sembra interessare De Laurentiis che risparmierebbe i 40 milioni di Martinez e si libererebbe di un calciatore che chiaramente vuol cambiare aria. Per questo ha già presentato una controproposta, ovvero 8 milioni per Vucinic o 6 per Matri. Questa apertura, impensabile fino ad un mese fa, lascia intendere che siamo molto vicini alla chiusura dell'affare.

Intanto la Juve decide di agire in altri reparti. Dopo aver rinnovato il contratto di Vidal, in questi giorni vaglierà il rinnovo anche di Pogba, mentre sul fronte Kondogbia ha presentato l'offerta di prestito oneroso da 1,5 milioni più obbligo di riscatto per un totale di 20 milioni di euro nel caso di qualificazione in Champions League.

I migliori video del giorno

Al Siviglia la proposta non piace, ma se dovesse saltare la trattativa con il Real Madrid potrebbe prendere in considerazione l'offerta. Sul fronte cessioni diventa sempre più probabile l'addio di Marrone, richiesto dal Parma, e probabilmente scambiato con Biabiany, mentre è quasi partito anche Ziegler, destinazione Torino o Svizzera.