Supercoppa italiana 2013 vinta dalla Juventus e curva nord biancoceleste chiusa per un turno. Figuraccia Lazio, non solo sul campo, dove è stata travolta per 4 - 0 da una scatenata Juventus, ma anche sugli spalti. Tre calciatori bianconeri sono risultati il bersaglio di ululati di matrice razzista durante Juventus - Lazio giocata allo stadio Olimpico di Roma. Si tratta di Pogba, autore della rete che ha sbloccato la gara, Asamoah e del neoacquisto Ogbonna, di provenienza Torino.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Lazio punita per un turno con la chiusura della sua storica curva.

I tipici, insopportabili buuu razzisti sono partiti dalla Nord al 16° e al 28° del primo tempo e poi in modo continuativo dal minuto 20 al minuto 43 della seconda frazione di gioco.

Davvero un brutto spettacolo. A questo punto Lazio - Udinese dovrebbe vedere la curva deserta. Ma resta la possibilità di inoltrare ricorso. Ultimamente si è assistito a una certa recrudescenza di questi fenomeni deprecabili e perfino il ministro per l'integrazione Cecile Kyenge si sta muovendo. La Kyenge annuncia infatti che è allo studio una campagna di sensibilizzazione culturale per stroncare questa grave problematica che inquina gli stadi italiani. Questa situazione non si può più sopportare. Secondo quanto dichiarato dalla Kyenge sono indispensabili delle iniziative culturali di concerto con la Lega Calcio e gli organi di governo dello sport italiano. I giovani seguono costantemente le vicende del mondo dello sport e tendono a riprodurre i comportamenti dei tifosi, quindi non si può davvero fare finta di niente.

I migliori video del giorno

Questi brutti episodi hanno di fatto rovinato la Supercoppa italiana 2013 che è stata portata a casa con merito dalla Juventus guidata da Conte.