L'Inter alla fine pareggia con il Cagliari, ma i nerazzurri, anche questa volta, hanno giocato una buona gara, dominando su un Cagliari che si è salvato grazie soprattuto alle straordinarie parate del suo portiere Agazzi che, specialmente nel primo tempo, ha parato tutto quello che c'era da parare. Nella ripresa, i cambi di Mazzarri, con un'Inter più offensiva, non sono bastati alla troupe nerazzurra per incamerare i tre punti contro un avversario volenteroso, battagliero, ma molto fortunato.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Inter



Sul campo di Trieste, inzuppato dalla pioggia, Mazzarri apporta alcune modifiche alla formazione. In difesa, debutto in campionato di Rolando, schierato al posto di Campagnaro.

Pereira gioca invece sulla corsia di destra, in sostituzione di Jonathan. Kovacic è in campo dall'inizio con Belfodil, unica punta. Riposa Palacio. Tra le fila cagliaritane in attacco Ibarbo è schierato a supporto di Pinilla. In difesa c'è Avelar.

Il primo tentativo pericoloso è di colore nerazzurro: l'azione parte da Pereira che crossa, testa di Belfodil e tiro a volo di Nagatomo che impegna Agazzi. Quattro minuti dopo, ancora l'Inter in attacco con Belfodil che serve Guarin, destro immediato e pronta risposta ancora di Agazzi. I nerazzurri insistono. Il portiere cagliaritano è protagonista dopo pochi minuti su un tentativo di Guarin. Al 22' un colpo di testa di Belfodil costringe ancora Agazzi a respingere. L'Inter gioca con grande determinazione e le occasioni per passare in vantaggio non mancano.

I migliori video del giorno

Unica azione consistente cagliaritana alla mezz'ora. A crearla è Pinilla che di testa impegna Handanovic. Il Cagliari cerca di portarsi in attacco, ma i nerazzurri controllano a dovere e ripartono in velocità. Al 37' Kovacic fa fuori Conti, ma è cinturato da Rosettini, che viene ammonito.

Nella ripresa, Alvarez ( 46'), molto stanco, viene rilevato da Icardi. L' Inter accentua la pressione offensiva. Il Cagliari trova difficoltà a ripartire. Al 64' Palacio sostituisce Belfodil. Proprio l'argentino un minuto dopo serve un bel pallone in area per Pereira che di testa manda di poco alto. La partita è piacevole. I nerazzurri subito dopo per poco non fanno centro con Cambiasso che a pochi metri dalla porta manda fuori. Al 70' Pereira serve Nagatomo, tiro dal limite dell'area, para Agazzi.

Alla mezz'ora, l'Inter passa meritamente in vantaggio con Icardi che da pochi passi conclude in rete una magnifica azione avviata dal trio Kovacic- Palacio - Nagatomo. Al 82' il Cagliari reagisce e pareggia con un destro da fuori area di Nainggolan, con deviazione involontaria di Rolando.

L'Inter riprova a riportarsi in avanti con Palacio che, con un numero di alta scuola, supera un avversario e tira a volo di sinistro alto, sopra la traversa. Mazzarri poi aumenta il potenziale offensivo nerazzurro ed inserisce Milito al posto di Ranocchia. In difesa, l'Inter ora gioca a quattro.

I nerazzurri attaccano fino alla conclusione, ma non c'è spazio. Il Cagliari così riesce a conquistare un pareggio insperato contro una buona Inter, alla quale, forse, è mancato soltanto un po' di fortuna per portare a casa una vittoria meritata.

Cagliari - Inter   1 - 1

Marcatori: 75' Icardi ( I ), 83' Nainggolan  (C)