Il Catania che ha pareggiato, col risultato di 1-1, contro il Genoa del nuovo tecnico Gasperini, in una gara valida per la settima giornata del campionato di Serie A, ha ancora molti problemi di costruzione di gioco. La squadra siciliana, infatti, è nei bassifondi della classifica e non riesce più ad esprimere il bel gioco dello scorso anno. Bel gioco che per quest'anno, non ha fatto ancora intravedere nemmeno il Genoa, anche se dobbiamo affermare che col nuovo allenatore, la squadra ha recuperato quelle geometrie che sembravano perse sotto la gestione di Fabio Liverani.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

E' stata una partita giocata sotto tono in modo scialbo da entrambe le squadre, ma a differenza del Catania di Maran che sta avendo una invuluzione preoccupante, il Grifone al contrario è migliorato tantissimo e raccogliere un punto fuori casa è sempre importante, sia per il morale che per la classifica.

In rete in questa gara sono andati, Barrientos e Legrottaglie, difensore siciliano, autore di un clamoroso autogol di mano, a favore dei liguri.

I siciliani, non sono poi riusciti a concretizzare alcune importanti occasioni da goal e la gara è terminata col risultato di parità.

In classifca piangono gli etnei, sempre nei bassifondi della classifica con 5 punti. Lo stesso dicasi per i liguri.

Francesco Lodi, centrocampista del Genoa, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni, anche sul suo possibile ritorno in quel di Catania, al termine della sfida pareggiata proprio contro gli etnei. Ecco quanto evidenziato  ai microfoni di Itasportpress.it: "Ho provato un'emozione particolare tornando da avversario. Stavo anche per sbagliare spogliatoio ad inizio gara e durante l'intervallo.

I migliori video del giorno

I fischi dei tifosi sono d'amore, sarebbe stato peggio l'indifferenza. Con Pulvirenti ci siamo salutati e detti alcune cose importanti prima della partita che non posso dire ma la verità sul mio trasferimento la sappiamo io e lui. Tornare a Catania? Siamo a ottobre (alludendo al mercato chiuso ndr,) in futuro vedremo visto che sono in comproprietà ma di questo se ne deve occupare il mio procuratore e la società. Tatticamente con l'arrivo di Gasperini ci sono delle novità perché il mister non vuole il regista davanti alla difesa e io ero abituato a giocare da play maker. A Genova mi hanno accolto bene ma di Catania mi manca tutto, del resto io ho deciso di vivere qui...".

Ecco di seguito il tabellino della gara:

Catania (4-3-3): Andujar; Alvarez, Legrottaglie, Bellusci, Biraghi (83' Monzon); Plasil, Tachtsidis, Almiron (74' Izco); Castro, Bergessio, Barrientos (79' Leto). A disp.: Frison, Ficara, Capuano, Guarente, Gyomber, Freire, Boateng, Keko, Peruzzi, Petkovic. All: Maran

Genoa (3-4-3): Perin; Antonini, Portanova, Manfredini; Lodi, Sampirisi (70' Stoian), Vrsaliko, Matuzalem (65' Fetfatzidis); Kucka, Gilardino, Santana (81' Calaiò).

A disp.: Bizzarri, Donnarumma, Gamberini, De Maio, Centurion, Bertolacci, Cofie, Konate, Sturaro. All.: Gasperini

Arbitro: Calvarese

Marcatori:63' Barrientos (C), 87' Legrottaglie (Aut.) (C)

Ammoniti:Manfredini, Matuzalem, Lodi (G), Tachtsidis, Barrientos, Castro (C)

Espulsi: