Doveva essere la partita del riscatto, della ripartenza dopo il brusco stop nello scontro diretto contro la Juventus. Ma per il Napoli, nell'anticipo serale della tredicesima giornata di Serie A giocato il 23 novembre 2013, incassa invece la seconda sconfitta consecutiva ad opera del Parma, che passa con un gol firmato da Cassano a nove minuti dal novantesimo.

Per Il Napoli e per Benitez una vera doccia gelata, che arriva a tre giorni dalla delicatissima sfida di Champions League a Dortmund contro il Borussia, partita in cui la formazione azzurra si gioca una buona fetta di qualificazione.

Nel Napoli, ancora una volta a finire sul banco degli imputati è la difesa, apparsa in sempre in affanno nonostante l'inserimento del neo acquisto Reveillere prelevato dal mercato degli svincolati e subito gettato nella mischia al posto dell'infortunato Mesto.

Il Napoli visto al San Paolo è sembrata la brutta copia di quello ammirato nella prima parte del campionato, quando vinceva, convinceva e sognava un campionato di vertice. Poi la prima legnata da parte della Juventus, adesso la seconda firmata dal Parma di Donadoni con Cassano autore del gol partita a pochi minuti dalla fine, che ha tagliato completamente le gambe alla formazione di Benitez.

Se non è crisi profonda in casa Napoli poco ci manca.

Partire alla volta di Dortmund con il peso del secondo stop consecutivo in campionato, il primo al San Paolo, non aiuta di certo. Volti scuri al termine del match e poca voglia di parlare, anche perché dopo questa sconfitta le ambizioni di un campionato di vertice sono state abbondantemente ridimensionate.

Il Napoli resta al terzo posto, ma l'Inter, impegnata nel posticipo del 24 novembre 2013 contro il Bologna, potrebbe agganciare gli azzurri e mettere maggiormente pressione.

Ci sono poi da seguire con attenzione gli incontri della Juventus contro il Livorno e della Roma, nell'ultimo posticipo della tredicesima giornata di campionato che si giocherà lunedì 25 novembre 2013 e che vedrà i giallorossi contrapposti al  Cagliari.

Classifica che potrebbe allungarsi e far scivolare il Napoli, in caso di vittoria della Roma, a sette punti dalla vetta ed a sei dalla Juventus, ammesso che anche per i bianconeri arrivi una vittoria.

Intanto c'è da rialzare subito la testa, anche se è difficile, e pensare alla delicata trasferta tedesca di Dortmund in cui il Napoli affronterà il forte Borussia in una gara che può determinare le sorti per il passaggio al turno successivo della Champions League.