L'ultima novità di Calciomercato targata Milan, aggiornata al 13 novembre 2013, riguarda la panchina rossonera e porta il nome di Edy Reja, sul quale ci sono gli occhi di altri club di A su tutti Lazio e Sampdoria, la prima che ha dato l'ultimatum a Petkovic e la seconda che cerca il sostituto dell'esonerato Delio Rossi.

Ma torniamo alle indiscrezioni che riguardano il Milan ed il tecnico Edy Reja, non di certo nuovo a situazioni in cui viene chiamato a campionato già iniziato per sedersi su panchine lasciate vacanti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

Le indiscrezioni di mercato parlano di un primo contatto tra la dirigenza rossonera e mister Reja avvenuto nelle scorse ore per tastare la disponibilità del tecnico a prendere il posto di Allegri nel caso quest'ultimo, che ha avuto rinnovata la fiducia da parte del presidente Berlusconi dopo il summit convocato all'indomani del deludente pareggio contro il fanalino di coda Chievo, dovesse fallire anche nella gara di Champions League contro il Celtic.

Le indiscrezioni non vanno oltre ma tutto lascia pensare che in caso di chiamata da parte del club rossonero, a meno che non si facciano avanti prima Lazio e Sampdoria, con quest'ultima che ha la necessità di affidare la panchina rimasta vacante dopo l'addio di Rossi, Edy Reja non possa dire di no.

Tutto questo mentre Pippo Inzaghi, allertato nei giorni caldi della disfatta-Milan, resta alla finestra, continuando ad allenare la formazione Primavera ed aspettando un segnale da parte dei vertici rossoneri, che sulla questione-Inzaghi non hanno gradito le interferenze della figlia del Presidente Silvio Berlusconi, Barbara, che a SuperPippo avrebbe affidato la guida tecnica della squadra già subito dopo la debacle di Champions contro il Barcellona.

Reja aspetta, mentre Allegri continua a sentire le pressioni di un ambiente divenuto ormai ostile, dove tutti hanno il fucile spianato e dove tutti aspettano il prossimo errore per sacrificare sull'altare della disfatta il tecnico toscano, di certo non l'unico colpevole del lento affondamento di quella che un tempo era la corazzata Milan.