Milan - Fiorentina sarà il posticipo di sabato sera delle ore 20:45 valevole per l'11^ giornata del campionato di serie A 2013/14. Una sfida che si preannuncia delicata per entrambe le squadre, dopo che i rossoneri non sono andati oltre il risultato di 1-1 contro la Lazio, e i viola nel match clou della decima giornata, hanno lasciato l'intera posta al Napoli, reclamando per un rigore non dato a fine partita su Cuadrado.

Serie A 11^ giornata pronostico Milan -Fiorentina

Il Milan reduce dal pareggio interno con i biancocelesti si trova a ben 13 punti dalla zona Champions League.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

La squadra di Montella  invece si presenterà a San Siro con il dente avvelenato in virtù dell'immeritato ko casalingo con il Napoli. Le due compagini trovano la via del gol con continuità, ma non sono perfette in difesa.

Per questo il nostro primo pronostico è gol. In quanto al risultato pensiamo che Kaka e compagni  possano conquistare i 3 punti. La vittoria rossonera su William Bet paga 2.10.

 Probabili formazioni Milan -Fiorentina

Milan (4-3-3): Gabriel, Abate, Zaccardo, Zapata, De Sciglio; Montolivo, De Jong, Muntari, Kakà, Robinho, Balotelli. Allenatore: Allegri.

Fiorentina (3-5-2): Neto, Roncaglia, Rodriguez, Savic, Joaquin, Aquilani, Pizarro, Borja Valero, Paqual, Matos, Rossi. Allenatore: Montella.

Come si presenta il Milan- In attacco dovrebbe essere confermato il duo Balotelli -Robinho, con l'ex Juventino Matri pronto a subentrare a partita in corso. Zaccardo ancora titolare visto l'indisponibilità di Silveste, e Mexes squalificato. A trequarti  un ritrovato Kakà potrebbe essere l'uomo determinate per la sfida contro i toscani.

I migliori video del giorno

Come si presente la Fiorentina - Mister Montella potrà contare su Rodriguez in difesa dopo il turno di squalifica.. Per il resto formazione confermata in blocco. Ambrosini l'ex di turno dovrebbe farcela e giocare nel mezzo assieme a Aquilani e Pizarro. In avanti Matos potrebbe partire dal primo minuto in sostegno di Giuseppe Rossi.