Il Milan di Clarence Seedorf riesce a far dimenticare ai propri tifosi la sconfitta di Champions League contro l'Atletico Madrid, andando a conquistare una preziosa vittoria per 2-0 a Marassi contro la Sampdoria: un gol per tempo decidono la gara, con la prima rete messa a segno da Taarabt e raddoppio del difensore centrale Rami.

Per la verità sono molte le recriminazioni della Sampdoria nei confronti della direzione arbitrale, soprattutto in merito all'azione che ha portato al raddoppio i rossoneri, viziata da un fallo subìto dal portiere doriano Da Costa su pressing di Pazzini.

Un'uscita di Amelia su Eder, poi, ha scatenato le vibranti proteste dei tifosi sampdoriani che hanno gridato allo scandalo per il calcio di rigore non concesso ai padroni di casa dall'arbitro Doveri che, proprio in seguito a questo episodio, espelle Maxi Lopez per proteste.

Una vittoria, comunque, quella rossonera che permette ai rossoneri di avvicinare Inter, Verona, Parma e Torino che si giocheranno le loro chances per conquistare un posto in Europa: sarà determinante il match di San Siro di domenica prossima, quando arriverà la Juventus.

Tabellini e voti:

Sampdoria: 1 Da Costa 4; 44 Fornasier 5,5, 8 Mustafi 5,5, 19 Regi­ni 6, 3 Costa 6; 17 Palombo 6, 14 Obiang 5,5 (dall’11’ s.t. 10 Maxi Lopez 4); 11 Gabbiadini 5, 10 Krsticic 5,5 (dal 36’ s.t.

5 Renan s.v.), 15 Wszolek 5(dal 1’ s.t. 21 Soriano 6); 23 Eder 5,5.

Milan: 1 Amelia 7; 20 Abate 6, 81 Zaccardo 6, 13 Ra­mi 7,5, 21 Constant 5,5 (dal 32’ s.t. 28 Emanuelson s.v.); 18 Montolivo 6,5, 4 Muntari 6(dal 19’ s.t.15 Essien 6); 10 Honda 6, 8 Saponara 5,5(dall’11’ s.t. 16 Poli 6), 23 Taarabt 7,5; 11 Pazzini 6.

B. N.