Poi, eventualmente, si potrà anche parlare di retrocessione:perché il Betis, penultimo nel campionato spagnolo della Liga, è unautorevolissimo candidato alla Liga Adelante. Ma intanto i giocatoribiancoverdi vogliono togliersi qualche soddisfazione e godersi in Europa quellabuona sorte che in Spagna fino a questo momento gli è stata negata. Ilsorteggio oltretutto ha voluto che sulla strada degli ottavi di finale al RealBetis Balompié fosse riservata nientemeno che la rivale per eccellenza, ilSiviglia.

Ed è questo che deve avere galvanizzato una squadra che nella partitad'andata ha giocato alla morte, conquistando un memorabile 2-0 in trasfertagrazie ai gol di Léo Baptistão e di Salvador Sevilla, salito dalla panchina perfirmare un 2-0 esterno che è anche la peggior sconfitta nella storia europeadel Siviglia.

E' la prima volta che le due squadre si affrontano inambito europeo: ma ci sono stati ben 108 derby di Siviglia a cominciare dalprimo, nella Copa del Rey del 1927/28, e il Siviglia guida questo confronto distracittadine 48-34 con 26 pareggi.

Pareggio che al Siviglia stavolta non potrà bastareperché il Football Club, che sulla carta era anche il superfavorito, dovràvincere e con almeno tre gol di scarto (o quanto meno 3-1).

Il Betis arriva da una tradizione pessima in fatto diderby: quattro pareggi e due sconfitte. L'ultima vittoria risale all'aprile del2006 nella Liga. Ma è una grande occasione, magari anche per dimostrare che lapartita per la salvezza non è ancora chiusa anche perché in Europa il Betis haun invidiabile ruolino di marcia interno cinque partite senza sconfitte concedendoappena un gol.

Numeri ben diversi daquelli della Liga ma chissà che questo miracolo, non ne aiuti anche un altro. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto