Il 'fumantino' presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis non lo scopriamo certo oggi, ma onestamente ci pare che stavolta abbia superato i limiti. Il suo comportamento di ieri sera è andato al di là del classico e vulcanico suo modo di fare, a tratti simpatico e genuino. Ma cosa è successo precisamente?

De Laurentiis shock: tifoso aggredito

La notizia è stata riportata nella notte e sta facendo il giro del web, tutti i siti, dai più autorevoli rotocalchi sportivi a quelli meno noti stanno raccontando dell'episodio che stamani sarà sulla bocca di tutti nei bar di mezza Italia. Dopo la sconfitta di ieri patita dal Napoli al Tardini di Parma, il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis è stato intervistato ai microfoni della Domenica Sportiva e si è detto non eccessivamente preoccupato per la brutta prestazione.

De Laurentiis shock o semplice reazione sciocca?

Terminata l'intervista, il presidente si è diretto verso il pulmino per fare ritorno in albergo e qui è stato avvicinato da un tifoso del Napoli il quale civilmente gli ha contestato la sconfitta. Secondo testimoni presenti sul luogo, il tifoso avrebbe detto testuali parole: "Presidente, non si deve vincere soltanto con la Juve". Apriti cielo, De Laurentiis si è avvicinato furiosamente al tifoso ed ha iniziato a spintonarlo. Quest'ultimo, basito, si è lentamente allontanato lasciano il patron azzurro a sbollire nella sua ira circondato dai suoi collaboratori che hanno cercato di calmarlo.

Perché questa reazione? È inutile nasconderlo, ma evidentemente la sconfitta patita dall'ottimo Parma non è andata affatto giù a De Laurentiis, ricordiamo che tra l'altro ora i partenopei, dopo una settimana passata a festeggiare la vittoria sugli odiatissimi bianconeri, hanno abbandonato quelle minime speranze di secondo posto che avevano accampato fino a qualche giorno fa.

La Fiorentina rimane comunque a distanza di sicurezza, ma siamo sicuri che, al prossimo passo falso, saranno tuoni e fulmini anche per Benitez.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina SSC Napoli
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!