Dopo i giorni dell'attesa si è arrivati al confronto dell'Italia con la brillante Costarica reduce dalla vittoria sull'Uruguay. Le squadre sono entrate in campo con la convinzione dei propri mezzi, ma rispettandosi e senza sopravvalutarsi per non compiere passi falsi.

Formazioni

Italia: 1  Buffon, 7 Abate, 15  Barzagli, 3 Chiellini, 4 Darmian, 16 De Rossi, 6 Candreva, 21 Pirlo, 5 Thiago Motta, 8 Marchisio, 9 Balotelli - ct Prandelli

Costarica: 1 Navas, 16 Gamboa, 6 Duarte, 3 Gonzalez, 4 Umana, 15 Diaz, 10 Ruiz, 17 Tejeda,Valverde, 5 Borges, 7 Bolanos, 9 Campbell - ct J. Pinto

Arbitro: Osses (Cile) 

1° tempo

La partita comincia con la Costarica che tiene il campo mentre l'Italia sembra studiare l'avversario.

All'8 minuto la Costarica batte un corner che vede Buffon uscire dai pali, ma andare a vuoto mentre la palla viene colpita di testa da Celso Borges che manda alto sopra la traversa. Al 28' Pirlo lancia Balotelli in profondità sulla sx che mette al centro per il sopraggiunto Thiago Motta che tira da fuori area mandando il pallone fuori di almeno 3 m. dal palo dx di Navas. Al 32' ancora Pirlo lancia Balotelli che si porta davanti al portiere in uscita, ma sbaglia il pallonetto che finisce fuori. Al 34' Marchisio serve Balotelli che tira forte ma centrale consentendo a Navas di parare. Al 43' Ruis crossa per Duarte che di testa manca il goal di pochissimo. Brutto momento per gli azzurri. Al 43' Chellini commette un errore di palleggio e Campbell scatta verso la porta azzurra saltando Barzagli per venir messo giù in area da Chiellini.

Per l'arbitro non è rigore. Ma al 45' la Costarica passa in vantaggio: Diaz crossa dalla sx e Bryan Ruiz segna di testa mandando il pallone sulla traversa e poi oltre la linea di rete. Purtroppo ci sono gli errori di Chiellini che trascura la marcatura di Ruiz, e di Buffon che prima accenna ad un'uscita dai pali e poi ci rientra.

Il primo tempo finisce con una Costarica brillante e un'Italia spenta e irriconoscibile.

2° tempo

Inizia il 2° tempo con l'ingresso di Cassano al posto di Thiago Motta. L'Italia si butta in avanti e i Ticos rispondono con dei veloci contropiedi. Al 52' Darmian dalla fascia sx si accentra e tira un gran dx che Navas alza sulla traversa.

Al 53' Pirlo ha la sua occasione con una punizione da 30m che però Navas respinge con i pugni. Al 54' Prandelli manda in campo Insigne al posto di Candreva mentre purtroppo Balotelli comincia ad innervosirsi e al 69' si prende un'ammonizione. Al 70' Prandelli decide di giocare il tutto per tutto: fuori Marchisio e dentro Cerci per giocare con quattro punte. L'Italia continua a venire in avnti, ma la squadra manca di determinazione e trame di gioco adeguate per andare in goal. All'83' Cerci riesce a fare un passaggio filtrante per Insigne che spara altissimo sulla porta di Navas. All'84' un contropiede della Costarica che porta al tiro Urena, entrato al posto di Campbell, viene fermato da Chiellini.

Terminato il recupero l'arbitro Osses suona il triplice fischio.

Valutazione 

L'Italia esce battuta per 1-0 dopo aver giocato male in tutti reparti, mentre la Costarica ha giocato in maniera attenta e brillante guadagnadosi in maniera meritata il passaggio agli ottavi. Per gli azzurri è necessario ordinare le idee, superare l'ostacolo psicologico di questa sconfitta e concentrarsi sulla prossima partita con l'Uruguay contro la quale, grazie alla miglior differenza reti, all'Italia basterebbe anche un pareggio.

Segui la nostra pagina Facebook!