L'anticipo si stasera delle 20,45 tra Milan e Juventus (diretta su Sky Calcio 1 e Mediaset Premium su Premium Calcio) si arricchisce delle dichiarazioni dei maggiori protagonisti dell'ambiente. In un discorso a Milanello di dieci minuti il Presidente Berlusconi carica i suoi dicendo che stasera è non importante, bensì fondamentale vincere e ci si può riuscire. Sulla sponda bianconera Allegri pizzica il rivale rimarcando la sua mancanza di gavetta come allenatore. La squadra bianconera intano è partita da Torino ieri sera alle 18.30 in direzione Milano.

Le ultime da Milanello

Nel settore difensivo Inzaghi registra i maggiori problemi con i forfait di Alex e Diego Lopez che contro il Parma hanno riportato guai muscolari.

In avanti torna El Shaarawi preferito a Bonaventura, con a fianco Menez e Honda. Il filtro di centrocampo sarà assicurato dal tridente Muntari-Poli-De Jong. La difesa presenta Abbiati tra i pali, De Sciglio e Abate sulle fasce con Rami e Zapata al centro.

Le ultime da Vinovo

C'è Vidal che scalpita per rientrare e lo ha già fatto sapere a Max Allegri che ne dovrà valutare le condizioni nell'ultima rifinitura prima di scendere in campo stasera nell'anticipo che vedrà la Juventus opposta al Milan. Chi segue da vicino le cose di casa Juve assicura che il cileno sarà della partita. Sulla corsia di sinistra sarà la volta di Asamoah a garantire la spinta offensiva. I due sono in vantaggio nel ballottaggio che li vede schierati contro Evra e Pereyra che dovrebbero così accomodarsi in panchina.

I migliori video del giorno

Dietro ritorna Giorgio Chiellni, al debutto in questo campionato, che farà coppia con Bonucci stante l'indisponibilità di Barzagli, con Buffon in porta; davanti spazio alla coppia gol Tevez Llorente con Pogba alle spalle dei due. I terzini saranno Caceres e Lichsteiner. Il centrocampo che sarà orfano di Pirlo sarà completato da Marchisio. Dati i prossimi impegni di Champions ravvicinati, per i quali si conta di recuperare Pirlo, il neo tecnico juventino pensa all'impiego nel secondo tempo di Morata.