Non bastava l'umiliante 7 a 1, adesso ci si mette anche lo scetticismo dell'allenatore. Rudi Garcia nella conferenza stampa di ieri mattina, non si nasconde e dice la sua sulla partita che vedrà stasera la sua Roma contro i campioni di Germania. Il francese tiene poi anche a precisare che conterà non il risultato, ma il contenuto della prestazione. Nelle sue volontà rientra una Roma meno spregiudicata rispetto all'andata, conscia adesso dei suoi limiti specie nelle retrovie. Ciò che preoccupa di più infatti, è Arjan Robben. L'olandese, in grande spolvero dopo il mondiale, ci sarà anche stasera. I giallorossi dovranno fare di tutto rispetto a quanto non fatto all'Olimpico, per soffocare i suoi micidiali attacchi. Per far ciò Garcia schiererà in campo ben quattro centrocampisti per evitare che la squadra si ritrovi in inferiorità numerica nel punto nevralgico dell'area difesa da De Sanctis.

A sostegno dei due difensori Manolas e Yanga-Mbiwa ci sarà Daniele De Rossi. Nainggolan, Pianic e Keita a seguito dello stesso De Rossi più interno, costruiranno gioco e aiuteranno anche in fase di recupero. La lunga lista di infortuni vedrà fuori Maicon, Astori e Castan, rimasti a Roma. Il nodo Torosidis sarà definitivamente sciolto stasera, con la decisione del tecnico di schierarlo a sinistra. Il greco a causa di un affaticamento muscolare, potrebbe anche accomodarsi in panchina per lasciare spazio a Florenzi, quest'ultimo in ombra nella partita contro il Napoli. Ashley Cole dopo l'angosciosa prestazione all'andata, sarà schierato ancora una volta sulla fascia sinistra.

Totti o Destro?

In fase offensiva si vedrà l'ineluttabile Gervinho. Ad accompagnarlo ci sarà uno tra Totti, Destro e Adem Ljajjc. Totti potrebbe essere schierato dal primo minuto, anche se Mattia Destro ha meno minuti sulle gambe. L'ex Siena è ormai stanco di scaldare la panchina e di entrare a partita in corso. A Napoli è stato schierato negli ultimi dieci minuti di gioco in una partita già compromessa. Destro aspetta la chance della vita contro il Bayern.