Domenico Berardi è sicuramente uno dei migliori talenti del calcio italiano e anche del panorama europeo. A testimoniarlo sono gli stessi numeri fatti registrare dal giovane calabrese: con la tripletta segnata al Milan, l'attaccante è arrivato a quota 14 gol in campionato, diventando così il miglior realizzatore under 20 dei cinque campionati europei principali.

A questi gol vanno aggiunti i 16 dello scorso campionato che portano così il bottino di Berardi a 30 reti in serie A più 18 assist decisivi per i compagni. Se poi si considera la media gol a partita, il talento del Sassuolo va in rete ogni 100 minuti, vale a dire quasi un gol a partita.

Numeri da fenomeno assoluto considerando che il giocatore è un classe 1994 e che ha totalizzato questi numeri nelle sue due prime stagioni nella massima serie. La Juventus, proprietaria di metà cartellino, lo segue da tempo, ma i bianconeri hanno qualche perplessità riguardo al carattere del giocatore. Infatti, il giovane Berardi ha già saltato un discreto numero di partite per squalifica tra club e nazionale e certi atteggiamenti, oltre a non piacere all'ambiente bianconero, non sono permessi considerando l'importanza dei palcoscenici in cui si va a giocare vestendo la maglia bianconera.

Nonostante questi dubbi di natura disciplinare, la Juventus è intenzionata a riscattare l'altra metà del cartellino per una cifra già fissata con il Sassuolo che ammonta a 15 milioni entro il 10 giugno e 20 milioni successivamente. L'idea della dirigenza bianconera è quella di riscattare Berardi e poi di girarlo in prestito a qualche squadra di serie A, in modo tale che il giovane possa continuare la sua crescita ed essere richiamato alla base quando Carlitos Tevez lascerà Torino. Non è da escludere però anche l'ipotesi che la Juve possa decidere di fare uno scambio di comproprietà, cedendo la propria metà di Berardi ai neroverdi in cambio dei 15 milioni necessari al riacquisto di Simone Zaza, attaccante destinato a vestire la maglia bianconera nella prossima stagione. Molto remota, invece, la possibilità che i bianconeri decidano di rendere il calciatore a società interessate come Milan e Roma.