Con Tevez che ha comunicato la sua scelta di lasciare Torino, la Juventus si è subito attivata per acquistare un bomber di esperienza internazionale dopo aver corteggiato a lungo Edinson Cavani. I dirigenti bianconeri hanno deciso di puntare con decisione su Mario Mandzukic, chiudendo l'operazione poche ore dopo l'addio ufficiale dell'argentino. All'Atletico Madrid andranno 18 milioni di euro compresi bonus, mentre il giocatore percepirà uno stipendio annuale di 3,5 milioni di euro per tre anni con opzione per il quarto.

Molti tifosi e non si sono chiesti se l'ariete croato è in grado di prendere il posto lasciato vuoto da Carlitos Tevez. In realtà, il vero sostituto di Tevez è Paulo Dybala e non Mandzukic viste le caratteristiche tecniche e fisiche molto diverse dai due argentini. Il croato è un giocatore molto fisico, poco spettacolare da vedere perché non dotato di grande tecnica, ma ha gran fiuto del gol, è un grande pressatore ed è decisivo nelle partite importanti (vedi gol decisivi in finale di Champions con la maglia del Bayern e nella Supercoppa di Spagna che ha regalato la vittoria sul Real Madrid).

Infatti la Juventus ha preso l'ex Bayern proprio per la sua esperienza internazionale che sarà fondamentale in un attacco giovane come quello formata da Morata, Dybala, Zaza e Berardi.

Con la cessione di Tevez, in molti si sono chiesti quale sarà il destino della maglia numero 10 che non è e non sarà mai come tutte le altre. Dopo qualche scetticismo iniziale nell'estate del suo acquisto, l'Apache ha dimostrato in queste due stagioni di poter reggere e meritare la pesante eredità lasciata da Alessandro Del Piero.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Escludendo che si ripeta il caso della stagione 2012-2013 dove la prestigiosa maglia non fu assegnata, al momento i candidati principali sono tre: Morata, Dybala e Marchisio. Morata è leggermente in vantaggio sugli altri: lo spagnolo è diventato il giocatore di punta con l'addio di Tevez, è già nel cuore dei tifosi e la maglia non sfigurerebbe di certo sulle sue spalle. Stando alle caratteristiche tecniche, Morata non è un classico 10 come invece lo è Dybala.

L'argentino ha le sembianze del fantasista tecnico ed ha un potenziale futuro impressionante, ma dare una maglia così pesante ad un giocatore che alle spalle ha solo 61 partite di Serie A potrebbe essere controproducente. L'ultimo nome è quello di Claudio Marchisio, vera bandiera della Juve di cui è giocatore da quando ha sette anni. Escludendo l'anno in prestito ad Empoli, il Principino ha sempre indossato un'unica maglia e la scelta di consegnare a lui la maglia di Tevez sarebbe di natura strettamente simbolica.

La maglia numero 10 ad un centrocampista è comunque un fatto anomalo, ma non sarebbe la prima volta: negli anni '70 la indossò Fabio Capello dopo esser stato acquistato dalla Roma, mentre alla giovane promessa Giancarlo Marocchi toccò prendere l'eredità di un certo Michel Platini. Da non escludere anche l'eventuale candidatura di Oscar nel caso il brasiliano arrivasse a Torino.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto