Dopo l'ottima annata in ambito internazionale della scorsa stagione, l'Italia ha ridotto il gap con Inghilterra e Germania nel Ranking Uefa e si augura di ripetere l'ottimo rendimento dell'anno scorso e riottenere i quattro posti inChampions League.

La grande mancanza espressa da Allegri

Una delle grande differenze che in quest'anni ha contraddistinto il calcio italiano da quello dei principali campionati esteri è l'assenza delle cosiddette squadre delle riserve.

Le squadre delle riserve sono l'equivalente delle squadre primavera in Italia, ma, a differenza delle nostre selezioni giovanili, queste formazioni non giocano dei campionati a parte come in Italia, ma militano nelle serie inferiori a quelle in cui si trova la prima squadra, cioè l'omologo della nostra Serie B o Lega Pro. Inoltre, in queste formazioni sono disponibili dei posti per dei giocatori fuori quota e che spesso vengono occupati dai calciatori ai margini della prima squadra che in questo modo, anziché collezionare tribune, possono mantenere una discreta forma e farsi trovare pronti nel caso la prima squadra abbia gli uomini contati in certi periodi della stagione.

Ma il grande vantaggio di queste squadre delle riserve è che i giovani di 17-18 anni si abituano già da subito a giocare in competizioni e con ritmi molto simili a quelli della prima squadra, rendendo così più facile il loro impatto con la formazione principale. E proprio su questo argomento è intervenuto il tecnico Massimiliano Allegri che, in un'intervista al Corriere dello Sport di poche settimane fa, ha espresso il bisogno di fondare un campionato delle riserve e per rendere meno traumatico l'impatto dei giovani dalla primavera alla prima squadra e che, molto spesso, limita la carriera di giovani talenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

La Juve trova la soluzione. Nasce una nuova moda?

L'Italia è uno dei pochissimi Paesi europei in cui non esiste un campionato per le seconde squadre, nonostante molti presidenti e dirigenti abbiano espresso in questi anni la necessità di fondarne uno, Agnelli e Marotta compresi. In attesa di una norma ufficiale, la Juve ha optato per una soluzione alternativa e in questa sessione estiva ha ceduto ben 12 giocatori in prestito alla Pro Vercelli nel giro di pochissime ore.

Oltre a rappresentare un record, questa mossa può essere considerata una soluzione all'assenzadelle squadre delle riserve e potrebbe essere una strategia che anche altri club potrebbero decidere di adottare in attesa che venga fondato un vero e proprio campionato delle riserve dove le seconde squadre sono gestite direttamente dal club proprietario e non tramite altre società.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto