Oggi si gioca Serbia-Italia Under 21, match valido per le qualificazioni al prossimo Campionato Europeo. A che ora e su che canale Rai fanno vedere la partita in diretta tv? In attesa di scoprirlo ricordiamo la situazione del girone 2. Al primo posto della classifica troviamo Serbia, Slovenia, Irlanda e Italia. A prima vista sembrerebbe esserci un quartetto al comando, ma la realtà è diversa. La Slovenia ha infatti giocato 5 gare, l'Irlanda 4, Serbia e Italia soltanto 3.

Pubblicità
Pubblicità

Chi vince oggi otterrebbe un primo vantaggio significativo su Slovenia e Irlanda. 

Calcio, Serbia-Italia Under 21: la programmazione tv

L'orario di inizio di Serbia-Italia Under 21 è fissato per le ore 18.30. La partita sarà trasmessa in diretta tv su Rai Due, con il collegamento che inizierà a partire dalle 18.20. Streaming disponibile su Rai Tv e app omonima scaricabile gratuitamente su tablet e smartphone. Come detto, fin qui percorso netto per la Nazionale italiana allenata dal ct Gigi Di Biagio.

Gli azzurrini, dopo aver battuto all'esordio la Slovenia in casa (1-0 il risultato finale), ha bissato il successo contro i pari età sloveni in trasferta (3-0), quindi ha avuto la meglio sull'Irlanda, ancora una volta di misura per 1-0. Nelle tre partite fin qui disputate l'Italia ha segnato 5 reti, senza mai subire gol. Gli azzurrini quest'oggi sono chiamati alla difficile sfida contro la Serbia, la Nazionale, sulla carta, più forte del girone. Giocando in trasferta, l'Under 21 potrebbe anche accontentarsi di un pareggio ma difficilmente Bernardeschi e compagni non scenderanno in campo per vincere. 

Esordio per Donnarumma del Milan

La partita di oggi segnerà l'esordio con la maglia dell'Italia Under 21 di Gianluigi Donnarumma.

Pubblicità

Il portiere del Milan, esploso nelle ultime giornate di campionato grazie al coraggio di Mihajlovic, si candida ad essere tra i protagonisti della sfida odierna. Sia contro la Lazio che contro l'Atalanta il baby fuoriclasse rossonero ha dimostrato di possedere tutte le qualità e potenzialità per vivere una grande carriera da calciatore professionista. In una recente intervista il ragazzo ha detto di sognare una carriera alla Buffon, suo grande idolo, lanciando segnali importanti anche al Milan, definito dal portiere un grande top club, per cui rinuncerebbe anche ad un'eventuale chiamata del Barcellona, il club forse più forte al mondo, nonché vincitore dell'ultima Champions League nella finale di Berlino contro la Juventus. 

Leggi tutto