Un bilancio del 32% di vittorie, il 20% di pareggi e il 47% di sconfitte. Il bilancio della sua carriera in panchina (fonte transfermarkt) è più che discreto, ma Sergio Pirozzi ora non ha tempo di pensare alla sua storia da allenatore. C'è un paese, un'intera comunità, che ha bisogno del suo aiuto. Lui è il sindaco di Amatrice, una delle città distrutte dal Terremoto della scorsa notte. Lui è il sindaco che passerà alla storia per quella frase in seguito alla scossa: "Il mio paese non esiste più".

Pubblicità
Pubblicità

L'addio alla panchina dopo un successo

Pirozzi ha preso una decisione (sportivamente) difficile: "Devo lasciare la panchina, devo stare vicino alla mia gente" ha annunciato durante i soccorsi. Il Trastevere, squadra laziale che milita nel campionato di Serie D, lo ha salutato così: "Coraggio, mister!

La sua squadra aveva svolto il ritiro estivo proprio ad Amatrice. Nell'ultima amichevole aveva battuto l'Ascoli (Serie B) per 3-2, ma la sua carriera è sempre stata positiva: nel 2005 portò il Rieti tra i professionisti, dopo aver fatto bene con Sorianese, Aprilia, Civitavecchia e Ostiamare.

Pubblicità

Il messaggio della Lnd

Anche la Lega Nazionale Dilettanti ha mandato un messaggio all'ormai ex tecnico del Trastevere. "Sergio è uno di noi, un tecnico di Serie D. Mister, tu sei Il Cuore del Calcio e lo dimostrerai, ora più che mai!": questo il post pubblicato ieri dalla pagina Facebook della Lnd. Inevitabile il rinvio della partita di Coppa Italia del Trastevere a Rieti, non sono da escludere altre rinvii delle squadre di D delle province colpite dal sisma, mentre tutte le altre partite del weekend osserveranno un minuto di silenzio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Terremoto

La sveglia all'alba

Il sindaco non ha lasciato la sua gente nella prima notte di tendopoli e questa mattina, fin dalle prime ore, si è presentato davanti alle telecamere per raccontare il lavoro dei soccorritori. L'ultimo bilancio parla di 247 vittime, ma la speranza è di trovare ancora qualcuno in vita sotto le macerie. Intanto sui social continuano le manifestazioni "virtuali" per aiutare le popolazioni colpite dal sisma: l'hashtag utilizzato, in queste ultime ore, per commentare le notizie è #terremotoItalia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto