Probabilmente l'urna di Zurigo non è stata molto clemente con gli azzurri di mister Ventura: l'Italia sfiderà ai play-off la Svezia di Forsberg e Guidetti. Le altre tre partite sono Svizzera-Irlanda del Nord; Croazia-Irlanda e Danimarca-Grecia. Vediamo in breve i quattro match che decreteranno le ultime quattro squadre europee di Russia 2018.

La Svezia divide l'Italia dal Mondiale

Probabilmente la partita più interessante e ricca di emozioni sarà Italia-Svezia, le due squadre più forti delle due fasce secondo i maggiori esponenti del calcio mondiale.

Pubblicità
Pubblicità

Una sfida andata e ritorno, con gli azzurri che giocheranno a Stoccolma il 10 novembre ed ospiteranno gli svedesi a San Siro (Milano) tre giorni dopo. La Svezia viene da uno dei gironi più difficili: con la Francia padrona del girone, gli scandinavi si sono ritrovati a lottare con gli oranje per il secondo posto per accedere ai play-off. Fortunatamente per la nazionale svedese, l'Olanda sta attraversando una crisi che li ha portati a saltare anche gli scorsi Europei giocati in Francia due anni fa.

Calcio in tv: Italia-Israele - La Stampa - lastampa.it
Calcio in tv: Italia-Israele - La Stampa - lastampa.it

Proprio per questo motivo gli svedesi sono riusciti a strappare il secondo posto agli olandesi che, ancora una volta, guarderanno il mondiale da casa propria. Discorso leggermente diverso per l'Italia, che ha lottato fino alla terz'ultima giornata per ottenere il primo posto a discapito della Spagna. Impresa andata in frantumi dopo la netta sconfitta per 3-0 contro le Furie Rosse al Bernabeu. Italia e Svezia, seppur giocando in maniera molto diversa, usano due moduli molto simili: se il ct Ventura sta provando ad affermare il proprio 4-2-4 in fase offensiva, la Svezia risponde con un classico 4-4-2: in entrambi i casi è molto fondamentale il ruolo degli etserni, d'attacco per l'Italia (Insigne e Candreva) e di centrocampo per la Svezia (Claesson e Larsson).

Pubblicità

Uno sguardo agli altri spareggi

Diamo un occhiata anche agi altri tre scontri che ci saranno più o meno negli stessi giorni: Svizzera-Irlanda del Nord aprirà le danze il 9 novembre a Belfast (capitale dell'Irlanda del Nord), mentre il ritorno si giocherà il 14 novembre a Basilea, nello stadio dell'omonima società svizzera. In questo scontro sembra favorita la Svizzera, che però non dovrà assolutamente abbassare la guardia con il rischio di rimanere a casa durante la competizione più importante per le nazionali.

Croazia-Grecia è forse il match più equilibrato tra i play-off: l'andata si giocherà in Croazia, mentre il ritorno ad Atene (stadi ancora da rferire). La squadra capitanata da Modric e Rakitic tra gli altri è stata messa a dura prova da una nazionale che aveva già stupito durante gli Europei: l'Islanda sorprendo tutti nuovamente è arrivata prima mettendo a rischio l'accesso ai mondiali per la Croazia

Danimarca-Irlanda è la partita che definirà l'ultima squadra europa che accederà ai mondiali: l'andata si giocherà in Scandinavia l'11 novembre, mentre il 14 si giocherà il ritorno in terra Britannica.

Pubblicità

Proprio l'Irlanda, esattamente come la Croazia, si è ritrovata seconda a causa di alcune splendide prestazioni della Serbia, che è riuscita a conquistare la prima posizione del girone a discapito proprio della formazione di O'Neill.

Dunque, come detto proprio dal ct azzurro Ventura, non ci si può assolutamente permettere una mancata partecipazione ai mondiali. Tra un mese la nazionale dovrà essere in piena forma per poter battere la Svezia e accedere ai mondiali per poter far vedere a tutto il mondo che l'Italia c'è e non è in crisi.

Pubblicità

Clicca per leggere la news e guarda il video