Ieri l'Inter ha battuto in scioltezza il Cagliari nell'anticipo della trentatreesima giornata di campionato con un netto 4-0. Ad aprire le marcature il laterale portoghese, Joao Cancelo, con una punizione dopo soli due minuti, al primo gol nel campionato italiano, poi è arrivato il raddoppio di Mauro Icardi a inizio ripresa, al 49', dopo dieci minuti è arrivato il tris firmato dal centrocampista croato, Marcelo Brozovic, il migliore in campo ieri, con il poker arrivato al 90' con Ivan Perisic, autore del suo decimo gol in campionato in questa stagione.

Un successo che ha permesso alla squadra di Luciano Spalletti di balzare, almeno momentaneamente, al terzo posto a 63 punti, con due punti di vantaggio su Roma e Lazio, che saranno impegnate questa sera rispettivamente contro Genoa e Fiorentina.

Domenica i nerazzurri saranno impegnati nella delicata trasferta allo stadio Bentegodi contro il Chievo Verona, che è in piena lotta per non retrocedere.

Joao Cancelo sugli scudi

Sempre sugli scudi il laterale portoghese, Joao Cancelo, autore di un'altra ottima prestazione. Il giocatore ha offerto il solito contributo in fase di spinta, saltando spesso anche l'avversario e creando superiorità sulla trequarti avversaria. Il primo gol in Italia è solo il giusto premio per un calciatore che fino a dicembre sembrava non essersi integrato bene ma, da lì in poi, si è preso il posto da titolare e non lo ha più mollato.

Cancelo è in prestito dal Valencia con diritto di riscatto fissato a trentacinque milioni, nell'ambito dell'operazione che ha portato Geoffrey Kondogbia in Spagna, in prestito con diritto di riscatto fissato a ventotto milioni di euro.

I tifosi chiedono a gran voce sui social il riscatto alla società, consci del grande talento del portoghese, che sta infiammando San Siro come non accadeva dai tempi di Maicon.

Bergomi sul riscatto di Joao Cancelo

Non è d'accordo sull'argomento l'ex giocatore dell'Inter e attuale opinionista Sky, Beppe bergomi, che ha sorpreso tutti parlando del riscatto di Joao Cancelo:

"Io non eserciterei il riscatto per Cancelo visto che è un buon terzino, ma spenderei quella cifra per un altro tipo di giocatori.

E' stato paragonato a Maicon, ma allora i nerazzurri si affidavano a lui per corsa, fisicità, inserimenti e carattere, il brasiliano era una colonna. Cancelo quando deve difendere nell'uno contro uno è ancora impreciso, prova a fare il tunnel. Io non dico che non sia un buon giocatore, ma non lo riscatterei".

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!