Ignazio Scardina, volto storico del calcio in RAI, si è spento nella sua Roma. L'hanno comunicato intorno alle ore 12 di ieri 7 aprile 2018 la moglie e i figli tramite un post sul suo profilo Facebook, al termine di una lunga e brutta malattia. Nato il 3 Agosto 1947 a Roma Ignazio Scardina ha trascorso una vita in RAI fino allo scandalo di Calciopoli. Una persona per bene, onesto e di compagnia che fu vittima della cattiveria del mondo giornalistico: il suo nome fu coinvolto nel processo di Calciopoli. Un caso che fece tanto clamore, al quale segui un calciomercato che rivoluzionò gli equilibri della Serie A per un paio d'anni.

Grazie alla sua voce storica come corrispondente da Roma per 90° Minuto abbiamo potuto apprezzare le sue sempre chiare sintesi della partita appena svolta. Ora il ruolo di corrispondente è svolto direttamente dai furgoni posti nei parcheggi degli stadi, ma una volta veniva svolto all'interno delle redazioni territoriali. Presenza giornalistica fissa alla Domenica Sportiva, assunse il ruolo di capo della redazione calcistica di RAISport dal 2000 al 2006. L'ultimo saluto avverrà con iI funerale di Ignazio Scardina fissato per le 12,15 di martedì 10 aprile, presso la chiesa di Santa Chiara, sita in piazza dei Giochi Delfici a Roma.

La sospensione dopo Calciopoli

2006, l'anno della nazionale campione del mondo, ma anche l'anno di Calciopoli.

Molti giornalisti furono coinvolti nel processo avendo avuto contatti telefonici con l'allora Direttore Sportivo della Juventus Luciano Moggi, in primis Aldo Biscardi che conduceva "Il Processo di Biscardi" su La7, poi i giornalisti Tony Damascielli de "Il Giornale" , Guido D'Ubaldo de "Il corriere dello sport".

Ma non solo. Anche Franco Melli de "Il Tempo" e Lamberto Sposini di TG5, entrambi ospiti del Processo di Biscardi, ma coinvolse anche i giornalisti di RAI Sport Giorgio Tosatti ed Ignazio Scardina.

Il ricordo dei colleghi della redazione della Domenica Sportiva sui social

Nel 2007 la posizione di tutti questi giornalisti venne archiviata nel 2007, ma vennero sospesi a tempo dall'Ordine dei Giornalisti, ma l'unico che venne processato per associazione a delinquere fu proprio il giornalista RAI Ignazio Scardina, assolto in primo grado dal tribunale di Napoli in quanto il fatto non sussisteva.

Di fatto onesto, ma vittima del sistema. In molti hanno voluto ricordarlo. Primo fra tutti Ivan Zazzaroni su Twitter:

Anche la redazione della Domenica Sportiva ha voluto ricordare l'ex caporedattore del calcio. 'Un collega stimato e un uomo ingiustamente accusato nel processo Calciopoli', questa alcune delle parole presenti del post:

Il ricordo del campione del mondo Marco Tardelli, molto amico di Ignazio su Twitter:

Non poteva mancare il toccante ricordo del collega Marco Mazzocchi su Twitter:

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!