Gonzalo Higuain non ha preso bene le parole rilasciate ieri da Leonardo sulle sue prestazioni. Il giornalista di Sportitalia Alfredo Pedullà afferma che: "A Higuain non sono piaciute le parole di Leonardo". "Vediamo cosa succederà nei prossimi giorni", ha aggiunto.

Secondo quanto riportato da 'Calciomercato.com', lunedì c'è stato un lungo incontro tra Fali Ramadani e Fabio Paratici, i Blues possono vendere Morata ma non lo faranno fino a quando non avranno preso un sostituto e il Chelsea si concentrerà molto su Higuain.

Pubblicità

Milan-Higuain: l'argentino nel mirino del Chelsea

Il gol alla Spal, seguito da un sincero abbraccio collettivo, sembrava aver riportato un minimo di serenità nella stagione travagliata di Higuain in rossonero. Invece tutto è precipitato nuovamente nel giro di poche ore. Le dichiarazioni del direttore sportivo rossonero, infatti non sono passate inosservate ed il 'Pipita' potrebbe lasciare il Milan in questa finestra di mercato. Molti sembrano essere gli indizi che portano in questa direzione, anche se non è ancora chiaro se i dirigenti del Chelsea abbiano intenzione di accontentare Maurizio Sarri, il quale avrebbe palesato il desiderio di avere in rosa il centravanti, con il quale ha avuto un ottimo rapporto ai tempi del Napoli. Secondo quanto riportato da 'La Repubblica' il Chelsea avrebbe effettuato un sondaggio con la Juventus titolare del cartellino dell'argentino.

Calciomercato Milan: è Martial il sogno per l'attacco

Qualora Gonzalo Higuain dovesse lasciare i rossoneri, il Milan andrebbe su profili di livello internazionale: uno è quello di Alvaro Morata, il quale sta però trattando con Siviglia e Atletico Madrid. Un altro nome che sembra però accantonato per il momento è quello di Karim Benzema. Mentre, secondo quanto riportato da 'Tuttomercatoweb', il sogno vero e proprio porta a Manchester dove gioca Anthony Martial. Ma anche in questo caso, difficilmente i Red Devils la faranno partire adesso.

Pubblicità

E’ vero che Martial ha un contratto in scadenza a giugno 2019, ma il club inglese infatti ha un’opzione per estenderlo fino al 2020. Certamente il Manchester United nell’immediato eserciterà la suddetta opzione, ma i dirigenti vorrebbero raggiungere un’intesa più duratura. In modo tale da evitare di essere messi con le spalle al muro nella prossima stagione e rischiare di perdere Martial a parametro zero nell’estate 2020.