Sarà l'argomento principale di questi ultimi giorni di maggio tra i tifosi bianconeri, i quali attendono impazientemente di conoscere la decisione della Juventus sul nuovo tecnico bianconero per la prossima stagione. Ad oggi circolano ancora diversi nomi, tra gli improbabili Guardiola e Klopp, passando per i più "abbordabili" Pochettino, Sarri e Simone Inzaghi.

Le ultime indiscrezioni rivelano che sarebbe favorita la pista italiana e, dopo le ultime dichiarazioni rilasciate dal procuratore Alessandro Moggi a "Tiki Taka", non si può escludere a priori un ritorno di Antonio Conte, nonostante nel 2014 non si sia lasciato benissimo con il presidente Agnelli.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo Moggi, infatti, qualora la Juventus dovesse realmente contattarlo, il tecnico leccese difficilmente direbbe di no al richiamo della "Vecchia Signora".

Conte ritornerebbe volentieri alla Juventus

Il manager romano ritiene che non si possa scartare l'ipotesi di un rientro di Antonio Conte alla Juventus. L'ex allenatore del Chelsea, infatti, gode della piena stima della dirigenza bianconera, in particolare del direttore sportivo Fabio Paratici e del vicepresidente Pavel Nedved.

Ci sarebbero, invece, ancora delle incomprensioni da superare con il presidente Agnelli, il quale non ha gradito le motivazioni addotte dal tecnico pugliese cinque anni fa quando decise di lasciare la squadra a preparazione già iniziata.

Ad ogni modo, Alessandro Moggi ha anche sottolineato che attualmente il peso decisionale di Paratici e Nedved è piuttosto forte, dunque godrebbero di una certa libertà nella scelta dell'erede di Allegri. Ovviamente l'agente ha ricordato che in questo momento l'Inter resta comunque in vantaggio nella corsa a Conte, essendosi mossa in anticipo rispetto al club torinese.

Pubblicità

Il mercato della Juventus

Gran parte del mercato bianconero dipenderà naturalmente dalle esigenze e dalle richieste del nuovo tecnico. Tuttavia ci sono alcune carenze nell'organico che oggettivamente vanno colmate. Innanzitutto bisognerà puntellare il reparto difensivo che dovrà fare a meno di Andrea Barzagli e Martin Caceres. Gli obiettivi in quest'ottica sarebbero Hummels (Bayern Monaco), Manolas (Roma), De Ligt (Ajax, che però sarebbe in procinto di accasarsi al Barcellona), Romero (Genoa, che avrebbe già firmato un accordo con la "Vecchia Signora") e Ruben Dias (Benfica).

Tuttavia si dovrà tenere d'occhio anche il mercato in uscita, poiché non è da escludere che possano esserci delle cessioni importanti: Pjanic, ad esempio, piace a Paris Saint-Germain e Real Madrid, e qualora il centrocampista bosniaco dovesse partire, il "sogno" della dirigenza bianconera sarebbe sempre Paul Pogba, anche se in queste ultime ore si sarebbero registrati significativi passi in avanti verso Milinkovic-Savic della Lazio.

Nel reparto avanzato, invece, il "sacrificato" di turno potrebbe essere Douglas Costa.

Pubblicità

In caso di addio dell'esterno offensivo brasiliano, la Juventus potrebbe virare su Federico Chiesa della Fiorentina, per il quale la società viola chiede almeno 70 milioni di euro. Nella trattativa potrebbe essere inserita anche una contropartita tecnica come Riccardo Orsolini, attualmente al Bologna.

Leggi tutto