Il Milan è in crisi. Il club si trova quasi in zona retrocessione dopo le prime sei partite della stagione e la pressione si è accumulata sull'allenatore Marco Giampaolo, che è arrivato durante l'estate dalla Sampdoria in sostituzione di Gennaro Gattuso. Nella serata di ieri, i rossoneri hanno perso un'altra partita, con una sconfitta per 3-1 in casa contro la Fiorentina a San Siro. Sembra che il tempo di Giampaolo al timone dei rossoneri sia limitato e che la dirigenza rossonera stia già selezionando i potenziali candidati per sostituirlo.

Uno dei sogni (secondo quanto riportato da Calciomercato.com) e la scelta di molti leader rossoneri, è Massimiliano Allegri. L'ex tecnico tra le altre dei rossoneri è disoccupato dopo la sua partenza dalla Juventus, Allegri sarebbe una chiara scelta per aggiungere un livello di qualità alla panchina del Milan. Il problema sarebbe l'ingaggio elevato e il fatto che, almeno stando alle sue dichiarazioni, vorrebbe prendersi un anno sabbatico.

Milan, non solo Max Allegri: ci sono tre soluzioni temporanee

Per Marco Giampaolo è la terza sconfitta consecutiva con un'idea di gioco che è ancora totalmente inesistente.

Ciò che preoccupa oltre il gioco è la condizione mentale di molti giocatori. Il giocatore che soffre di più è Hakan Calhanoglu: il turco è stato ancora una volta il peggiore in campo, ma nonostante ciò non è stato sostituito creando diverso imbarazzo nell'ambiente. Anche Gordon Singer era presente per la terza sconfitta consecutiva. Una sconfitta che non è esattamente apprezzata dai vertici di Elliott: ecco perché Giampaolo potrebbe essere a rischio per la prima volta. Se l'ex allenatore della Sampdoria dovesse essere licenziato, il Milan potrebbe optare anche per una soluzione temporanea.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Milan Calciomercato

A questo proposito i nomi di Claudio Ranieri, Roberto Donadoni o il clamoroso ritorno di Gennaro Gattuso - stimato da Elliott - potrebbero apparire come probabili sostituti.

Milan, la difesa di Marco Giampaolo

"Credo nelle mie idee, ma questa squadra sembrava essere arrivata a San Siro senza mai avere svolto una sessione di allenamento insieme", ha detto Giampaolo su Sky Sport Italia. 'La squadra ha giocato con grande carattere solo tre giorni fa (contro il Torino) e ho visto momenti di calcio che mi piacciono.

Stasera ha giocato male a livello individuale, senza organizzazione o senso di responsabilità collettiva. 'Ci sono alcuni giocatori che sono giovani e possono provare azioni individuali. Quando le cose non vanno bene, devi avere la forza di aggrapparti alla tua identità di squadra. 'Se proviamo a risolvere le cose individualmente, rischiamo di affogare nelle difficoltà ed è quello che è successo stasera. 'Mi assumo la responsabilità, ovviamente, ma vado avanti perché credo nelle mie idee. Puoi perdere, ma non così.

'Fino a tre giorni fa, mi è piaciuta la prestazione e ho visto buone risposte contro il Torino. 'Stasera, la pressione ha causato un danno ai giocatori, hanno sentito il bisogno assoluto di vincere e ho detto loro di giocare con tutti gli ingredienti giusti per vincere, non aspettando che accadessero eventi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto