Il sabato calcistico del 23 novembre è stato ricco di gare importanti. Infatti la 13ª giornata di Serie A si è aperta alle ore 15 con Atalanta-Juve, proseguendo con Milan-Napoli delle 18, per concludersi con la sfida serale tra Torino e Inter.

Juventus e Inter sono riuscite a vincere, mentre il Napoli ha pareggiato a Milano, confermando che sta attraversando una fase alquanto delicata della sua stagione. Nemmeno in quest'occasione sono mancate delle polemiche relative ad alcune decisioni arbitrali.

In particolare, nel mirino della critica è finita la partita di Bergamo per un utilizzo non proprio impeccabile del Var da parte del direttore di gara Rocchi e dei suoi collaboratori.

A tal proposito, su quanto accaduto in Atalanta-Juventus si è espresso su Twitter anche Gabriel Omar Batistuta. L'ex attaccante di Fiorentina, Roma e Inter si è detto colpito in negativo dal ricorso al Var, definendolo "ridicolo". Dunque, una critica piuttosto pesante che l'ex bomber sudamericano ha voluto indirizzare all'arbitro Rocchi e ai suoi assistenti che erano nella cabina di controllo della moviola in campo.

In particolare, sta facendo discutere il presunto tocco con il gomito di Emre Can in area di rigore al 78° minuto del match. Inoltre l'Atalanta ha protestato per un fallo di mano di Cuadrado a centrocampo, dal quale è poi scaturita l'azione che ha portato alla rete del vantaggio juventino siglata da Higuain.

Batistuta definisce noioso e ridicolo il Var

Non ha usato mezzi termini Batistuta nell'esprimere il suo pensiero sull'uso del Var in Atalanta-Juventus. L'ex attaccante, infatti, su Twitter ha detto che oltre a trovare noioso lo strumento tecnologico, ha riscontrato un utilizzo "ridicolo" della moviola in campo da parte dell'arbitro e dei suoi assistenti.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus Serie A

Probabilmente l'ex punta della Fiorentina (che però non ha fatto alcun riferimento diretto) ha criticato gli episodi che avrebbero condizionato il risultato della gara di Bergamo. Ricordiamo che la sfida è stata dominata sul campo per circa 75 minuti dai ragazzi di Gasperini, ma nonostante ciò la Juventus è riuscita a ribaltare l'iniziale vantaggio della Dea firmato da Gosens con una doppietta di Higuain ed uno splendido gol di Dybala.

Per quanto riguarda il tocco con il gomito di Emre Can, l'arbitro Rocchi dopo aver visionato l'azione al Var ha deciso di non concedere il calcio di rigore all'Atalanta.

Il direttore di gara ha valutato involontario il contatto, poiché il pallone è prima finito sulla gamba del centrocampista e poi sul braccio. Invece nel primo tempo aveva assegnato il penalty ai nerazzurri (poi sbagliato da Barrow) per un evidente fallo di mano di Khedira. In questo caso Rocchi non ha nemmeno guardato la moviola, trovandosi a pochi passi dall'azione "incriminata" e avendola vista perfettamente.

Infine, per quanto concerne il contestato tocco con la mano di Cuadrado, c'è da chiarire che il Var non è intervenuto perché nel corso dell'azione l'Atalanta ha perso il possesso di palla, favorendo così il contropiede della Juventus.

In questa circostanza, dunque, l'intervento falloso del colombiano non può essere considerato un vizio dell'azione e l'errore è stato esclusivamente di Rocchi che non ha fermato il gioco, non accorgendosi dell'irregolarità del calciatore bianconero.

Gasperini nel dopo-partita parla del Var: 'C'è troppa confusione'

Gian Piero Gasperini nelle dichiarazioni del post-partita ha commentato i discussi episodi da moviola verificatisi durante Atalanta-Juventus.

Il tecnico dei bergamaschi ha lamentato una certa confusione da parte degli arbitri nell'utilizzo della tecnologia. Infatti ha sottolineato che troppo spesso le interpretazioni dei direttori di gara non collimano con quelle dei calciatori, aggiungendo che ci sarebbe bisogno di trovare "una linea comune che ancora manca, altrimenti diventa una 'lotteria' e non si arriverà mai a un dunque".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto