L'Italia ha battuto con autorità in trasferta (3-0) una spenta Bosnia. Troppo volte si è detto che il girone degli azzurri non fosse tra i più difficili, ma le partite vanno vinte sul campo e la nazionale l'ha fatto su tutti i campi. La gara giocata contro Pjanic e compagni è stata autorevole ed il merito è tutto dei ragazzi di Mancini. Questa nazionale piace, gioca con personalità e determinazione ed alla luce del trionfale cammino verso l'appuntamento continentale del prossimo anno potrerebbe candidarsi tra le protagoniste della kermesse.

Non c'è da nascondersi, Mancini ha fatto un bel lavoro e chiunque entri in campo dà sempre il massimo, anche chi gioca meno in campionato. Ottime contro la Bosnia le prove di Acerbi, Florenzi e soprattutto Tonali che ha esibito una prestazione di spessore. Forse non sarà Pirlo, nonostante l'evidente somiglianza fisica, ma è un giocatore che serviva a questa nazionale.

La prossima partita

L'ultima partita del girone di qualificazione si gioca a Palermo contro l'Armenia il 18 novembre. I nostri avversari si presentano alla gara senza il giocatore simbolo, il romanista Henrix Mxit'aryan e non hanno grosse ambizioni oltre a voler ben figurare contro gli azzurri.

L'Italia ha nel mirino le 11 vittorie consecutive che diventerebbe il filotto record della storia della nazionale Italiana, attualmente a quota 10 Mancini ha raggiunto il mitico Vittorio Pozzo. Per il match che si disputa nel capoluogo siciliano il Ct potrebbe schierare dal 1' alcuni giocatori che non sono scesi in campo contro i bosniaci. Potrebbero scoccare l'ora di Zaniolo, Chiesa e Immobile oltre a Sirigu.

La probabile formazione contro l'Armenia

Mancini schiererà l'Italia con il 4-3-3 e possiamo ipotizzare una formazione nell'ottica di un turnover che sembra scontato.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Serie A

Dunque, Sirigu in porta; in difesa partendo da destra dovrebbero andare Spinazzola, Bonucci, Romagnoli e Biraghi; sulla linea mediana Castrovilli, Jorginho e Tonali; in attacco Zaniolo, Immobile e Chiesa. Tra i giocatori che potrebbero anche concorrere per un posto da titolare anche Mancini della Roma nel nuovo ruolo di centrocampista, Izzo in difesa, in ballottaggio con Spinazzola e Meret al posto di Sirigu.

Il 30 novembre i sorteggi

Il sorteggio per la fase finale degli Europei 2020 si terrà a Bucarest, per questa speciale edizione della massima competizione continentale che si gioca in più nazioni.

L'Italia, quindi, sarà inserita nel Gruppo A come testa di serie e, tendenzialmente, eviterà grandi squadre durante la fase a gironi. Gli azzurri sono la prima nazionale a garantirsi questo privilegio che si conquista tramite il posizionamento e i punti conquistati durante la fase di qualificazione. In questo momento, tra le teste di serie ci sarebbero anche Ucraina, Inghilterra, Belgio, Spagna e Francia, mentre Olanda e Germania sarebbero in seconda fascia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto