Ha lasciato l'amaro in bocca in casa Inter l'eliminazione subita in Champions League martedì scorso. I nerazzurri sono stati sconfitti in casa, al Meazza, dal Barcellona per 2-1 e sono retrocessi in Europa League. Lunedì conosceranno l'avversario dei sedicesimi nel sorteggio delle ore 13, ma prima c'è da pensare al prossimo impegno, che vedrà la squadra di Antonio Conte di scena al Franchi di Firenze contro la Fiorentina. Gara cruciale per mantenere il primato in classifica, visto che al momento sono due i punti di vantaggio sulla Juventus, seconda.

Intanto, ieri, alla Pinetina era presente anche il presidente del club nerazzurro, Steven Zhang, per far sentire la propria vicinanza alla squadra e al proprio tecnico.

Zhang carica la squadra

L'umore non era dei migliori ieri alla Pinetina, in casa Inter. La delusione era ancora tanta per l'eliminazione in Champions League e anche il tecnico, Antonio Conte ha sottolineato di aver visto i propri giocatori giù di morale nel post partita contro il Barcellona.

Anche per questo ad Appiano Gentile si è recato anche il presidente, Steven Zhang, con l'intenzione di risollevare il morale della squadra e di riprendere la corsa in campionato.

Lì i nerazzurri stanno sorprendendo tutti con il primato in classifica con trentotto punti, a più due sulla Juventus seconda. Nel prossimo turno, contro la Fiorentina, dunque, sarà vietato sbagliare e bisognerà subito riprendere a correre per evitare un possibile sorpasso dei bianconeri.

Stando a quanto riportato da 'Il Corriere della Sera', il figlio del patron di Suning, Jindong Zhang, era presente insieme all'amministratore delegato, Giuseppe Marotta.

In sostanza il riassunto del discorso è stato: 'Dovete essere orgogliosi di quello che avete fatto, la strada è quella giusta, stiamo crescendo, ci sono altre battaglie da vincere insieme'. Discorso che ha aumentato la voglia di ripartire più forte di prima.

Le mosse di mercato

Presenza, quella di Zhang alla Pinetina, che è servita anche per parlare di mercato. La priorità sarà quella di intervenire a centrocampo con almeno una pedina e i nomi caldi sono quelli di Rodrigo De Paul e Arturo Vidal, con il primo in pole position visto che l'Udinese avrebbe aperto alla cessione in prestito per diciotto mesi con obbligo di riscatto, in modo da non appesantire l'attuale bilancio.

Anche sugli esterni potrebbe arrivare un rinforzo visti i problemi al ginocchio di Asamoah. In avanti, invece, molto potrebbe dipendere dall'uscita di Matteo Politano. In caso di cessione dell'ex Sassuolo i nerazzurri si fionderebbero su uno tra Dries Mertens e Olivier Giroud, entrambi in scadenza di contratto rispettivamente con Napoli e Chelsea.

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la pagina Champions League
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!