Il Calciomercato è iniziato ufficialmente da una settimana ma gran parte delle trattative sono state imbastite già ad agosto.

Già a giugno la Juventus a fine giugno la Juventus aveva ufficializzato lo scambio Pjanic-Arthur Melo, mentre il successivo acquisto è arrivato pochi giorni fa. Si tratta di Weston McKennie, centrocampista statunitense classe 1998 proveniente dallo Schalke 04. Sull'americano si è soffermato il direttore sportivo del Bologna Walter Sabatini, che lo ha definito: "Un grande colpo per la Juventus". Il dirigente degli emiliani ha anche fatto i complimenti all'Atalanta per l'acquisto del russo ex Spartak Mosca Miranchuk.

Sabatini ha poi affrontato la tematica calciomercato in generale, dichiarando che qualche affare di alto livello probabilmente ci sarà, citando in particolar modo tre giocatori che potrebbero cambiare squadra. Si tratta di Milik (che potrebbe finire alla Roma), di Dzeko e di Suarez, uno dei quali potrebbe trasferirsi alla Juventus.

'Si fanno scambi di mercato solo per le plusvalenze'

Lo stesso Walter Sabatini ha sottolineato che questo mercato è condizionato evidentemente dall'emergenza coronavirus.

Ha poi rivelato che ci sono scambi di mercato "solo per le plusvalenze finanziarie". Il direttore sportivo del Bologna è tornato poi anche sulla propria esperienza professionale all'Inter, durata poco tempo.

A tal riguardo ha dichiarato: "Ho avuto fretta nello scegliere l'Inter. Avevo pensato a un network internazionale che con un mercato parallelo potesse sostenere quello dell’Inter. Poi il premier cinese ha declassato il calcio e ho perso fervore".

Il retroscena sui viaggi in Cina da dirigente dell'Inter

Il dirigente degli emiliani ha poi svelato anche un retroscena in merito ai propri viaggi intercontinentali in Cina. Ha infatti raccontato: "Ci ho rimesso la salute ad andare in Cina una settimana al mese". Sabatini ha poi rivelato che era solito rimanere in aeroporto ad Honk Kong per molte ore "fumando in uno scantinato a -10 gradi".

Ha poi rivelato di avere un grande obiettivo, quello di riportare il Bologna nell'èlite del calcio. Il direttore sportivo del Bologna ha affermato che attualmente sarebbero solo due i giocatori incedibili della società emiliana: Barrow e Tomyasu.

Intanto a proposito di Bologna, arriva una buona notizia dall'infermeria. Il tecnico Sinisa Mihajlovic è definitivamente guarito dal coronavirus. Gli ultimi tamponi effettuati dal'allenatore serbo hanno dato esito negativo. Mihajlovic quindi è potuto tornare ad allenare la propria squadra in attesa dell'inizio del campionato, previsto per lunedì 21 settembre alle ore 20:45 a San Siro contro il Milan.

Segui la pagina Juventus
Segui
Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!