La Roma, dopo il cambio di proprietà, cercherà di ristrutturare anche lo staff dirigenziale. E' stato il Ceo e l'amministratore delegato Guido Fienga a sottolineare alcuni giorni prima di Roma-Juventus della necessità di individuare un direttore sportivo. Un ruolo rimasto vacante con l'addio di Gianluca Petrachi. Fienga ha voluto smentire il possibile arrivo dopo la fine del mercato di Fabio Paratici dalla Juventus.

Smentite però che non hanno convinto evidentemente il Corriere dello Sport, che parla di un probabile approdo del dirigente bianconero a Trigoria dopo la fine del Calciomercato estivo.

Il media sportivo romano ha infatti sottolineato come nel pre-partita di Roma-Juventus di domenica scorsa ci sia stata una certa vicinanza evidente fra il proprietario della Roma Dan Friedkin e il direttore sportivo della Juventus. Quasi a confermare che il dirigente piacentino rimarrebbe uno dei candidati a diventare nuovo direttore sportivo della società giallorossa.

Paratici rimarrebbe un candidato per il ruolo di direttore sportivo della Roma

Secondo il Corriere dello Sport, Fabio Paratici potrebbe diventare il nuovo direttore sportivo della Roma a fine mercato. La vicinanza fra il dirigente bianconero e Dan Friedkin notata prima di Roma-Juventus dimostrerebbe questa possibilità.

Nonostante le smentite di Andrea Agnelli e quelle di Guido Fienga quindi, il dirigente bianconero potrebbe cambiare società dopo dieci anni di successi alla Juventus.

D'altronde negli ultimi anni la società bianconera ha effettuato una vera e propria rivoluzione dello staff dirigenziale, partendo dall'addio di Giuseppe Marotta. La promozione di Cherubini nella dirigenza bianconera lascerebbe pensare a una sorta di avvicendamento fra quest'ultimo e l'attuale direttore sportivo bianconero Fabio Paratici.

Il mercato della Juventus

In ogni caso il lavoro di quest'ultimi giorni per Fabio Paratici sarà molto impegnativo. Il direttore sportivo della Juventus dovrà provare a piazzare sul mercato alcuni esuberi (su tutti De Sciglio, Rugani e Douglas Costa) e provare a portare a Torino Emerson Palmieri, Federico Chiesa e Moise Kean.

Tutti acquisti che potrebbero essere definiti sulla base di un prestito con diritto di riscatto.

Per il giocatore della Fiorentina si parla di un prestito oneroso a circa 20 milioni di euro e diritto di riscatto dopo due anni a circa 40 milioni di euro. Riguardo invece al terzino del Chelsea e alla punta dell'Everton, le trattative dovrebbero essere definite sulla base di un prestito oneroso e un diritto di riscatto per una spesa complessiva per ognuno di circa 30 milioni di euro. In questo modo la Juventus rimanderebbe l'esborso cash all'estate 2021.

Segui la pagina Juventus
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la pagina A.S. Roma
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!