La Fiorentina nell'ultima giornata ha subito una sconfitta contro la Roma per 2 a 0. Un risultato che ha messo in evidenza dei limiti nel gioco per gli uomini di Beppe Iachini. Proprio il tecnico è finito sul banco degli imputati ed è considerato alla pari dei giocatori il principale responsabile dei risultati non ideali della Fiorentina. Per questo è concreta la possibilità di un suo esonero. Come scrive Rai Sport, non è escluso che la società toscana possa utilizzare la sosta per le nazionali per cambiare tecnico. Fra le ipotesi ci sarebbe anche l'idea di promuovere per il prossimo weekend sulla panchina della Fiorentina l'allenatore della Primavera Alberto Aquilani.

I toscani giocheranno sabato 7 novembre alle ore 20:45 allo stadio Tardini contro il Parma. Probabile però una conferma di Iachini e, in caso di risultato e prestazione deludente contro gli emiliani, un suo esonero immediato. Intanto sono diversi i nomi avvicinati alla panchina della Fiorentina. Su tutti spicca quello dell'ex tecnico della Juventus Maurizio Sarri, pronto a rilanciarsi in Serie A dopo l'addio alla società bianconera.

La Fiorentina potrebbe sostituire il tecnico Iachini

L'ex tecnico della Juventus Maurizio Sarri è uno dei principali candidati alla sostituzione di Iachini nel caso in cui la società toscana decida di esonerarlo. In questo inizio di stagione però la Fiorentina ha deluso le aspettative ottenendo dei risultati e delle prestazioni deludenti.

Soprattutto il 2 a 0 contro la Roma ha messo in evidenza alcune difficoltà nel gioco dei toscani. Per questo si parla di esonero di Iachini, con Sarri uno dei nomi che piacciono alla dirigenza. L'ex tecnico di Chelsea e Juventus dovrà però dapprima rescindere il suo contratto con la società bianconera prima di poter firmare un'intesa con la Fiorentina.

La società toscana però starebbe valutando anche delle alternative a Sarri. Piacciono infatti anche Walter Mazzarri, Roberto D'Aversa, Davide Ballardini ma non sono esclusi ritorno clamorosi. Come scrive Rai Sport, la dirigenza apprezza molto anche i profili di Vincenzo Montella e di Claudio Prandelli.

Maurizio Sarri ha un contratto con la Juventus fino a giugno 2022

Il tecnico Maurizio Sarri dovrà trovare un'intesa sulla rescissione contrattuale con la Juventus prima di firmare con un'altra società. Attualmente ci sarebbe distanza fra la buonuscita proposta dalla Juventus e le richieste del tecnico toscano. La società bianconera spera di rescindere quanto prima così da alleggerire l'attuale monte ingaggi. Maurizio Sarri infatti ha un contratto con la Juventus fino a giugno 2022 che pesa a bilancio a stagione 12 milioni di euro lordi.