Dopo un partita difficilissima l'Italia di Roberto Mancini batte l'Inghilterra ai rigori e si laurea per la seconda volta nella storia campione d'Europa. Nello stadio di Wembley a Londra è dunque festa azzurra, con invece tristezza e lacrime per la nazionale inglese padrona di casa, che perde così la sua prima finale europea della storia.

Gigio Donnarumma con i due rigori parati nella serie finale si aggiudica anche il premio di miglior giocatore del torneo.

Il primo tempo: inglesi avanti

La squadra inglese parte subito forte e al minuto 2 passa in vantaggio con Luke Shaw che concretizza nel migliore dei modi un cross preciso in area di Kieran Trippier e mette dentro: è 1-0.

Nonostante il contraccolpo emotivo per il gol prematuro degli inglesi, l'Italia inizia pian piano a macinare gioco a fare fare possesso palla, anche se nella prima frazione di gioco colleziona solo due occasioni. La prima con Federico Chiesa che, lanciato a rete, si libera dei vari avversari e va a concludere da fuori area: il pallone esce di poco a lato sulla destra. Poco dopo Ciro Immobile riceve un bel passaggio in area da Di Lorenzo e calcia subito verso la porta ma uno dei difensori riesce in extremis a respingere il pallone. Si va a riposo dunque sull' 1-0 per i padroni di casa.

Il secondo tempo: la pareggia Bonucci

Nel secondo tempo la squadra di Mancini incomincia a schiacciare il piede sull'acceleratore.

Il gol arriva al minuto 67: sugli sviluppi di un calcio d'angolo, dopo una serie di rimpalli in area, il pallone termina tra i piedi di Leonardo Bonucci che da solo davanti alla porta mette in rete, siglando il pareggio azzurro.

Da quel momento in poi non vi sono grosse occasioni per le due squadre, tranne un pallone capitato sui piedi di Berardi, che manda alto.

Si va così ai tempi supplementari con il risultato di 1-1.

Nei supplementari le due squadre hanno molta paura di scoprirsi e cercano di rischiare il meno possibile, e così il risultato non si sblocca.

La lotteria dei rigori: decisivo Donnarumma

Si arriva alla lotteria dei rigori: per l'Italia era la seconda consecutiva dopo la vittoria in semifinale sulla Spagna.

Gli azzurri sbagliano con Belotti e con Jorginho, ma gli inglesi sono ancora meno precisi, fallendo tre tiri, peraltro con tre giocatori mandati in campo dal ct Southgate in corso d'opera: Rashford manda sul palo, mentre Sancho e Saka si fanno ipnotizzare da Gigio Donnarumma, che con i due rigori parati regala all'Italia l'Europeo e si aggiudica sul piano personale il premio di miglior giocatore del torneo.