La Juventus dovrà affrontare la seconda parte della stagione senza uno dei suoi migliori giocatori: si tratta di Federico Chiesa, che nel match contro la Roma ha rimediato la rottura del legamento crociato. Potrebbe saltare anche l'inizio della prossima stagione, la speranza dei bianconeri è comunque che sia pronto però per l'inizio della preparazione estiva.

Il centrocampista offensivo si è trasferito alla Juventus in prestito di due anni per 10 milioni di euro con obbligo di riscatto del cartellino a 40 milioni di euro al raggiungimento di determinati obiettivi.

A questa somma bisogna aggiungere ulteriori 10 milioni di euro di bonus. In riferimento agli obiettivi la Juventus ha l'obbligo dell'acquisto del cartellino di Chiesa se il giocatore dovesse giocare il 60% delle partite stagionali, se dovesse segnare almeno dieci gol in stagione o eventualmente se la Juventus dovesse qualificarsi alla Champions League. I primi due obiettivi non ormai sono raggiungibili considerando l'infortunio del giocatore. L'altro invece dipenderà dalla seconda parte della stagione. Se non dovesse arrivare almeno il quarto posto in campionato dunque, almeno teoricamente, la Juventus potrebbe anche valutare il non riscatto del cartellino di Chiesa.

Chiesa potrebbe non essere riscattato se la Juve non si qualifica alla Champions

La Juventus potrebbe decidere di non riscattare il cartellino di Chiesa se non dovesse qualificarsi alla Champions League. Non disputare la massima competizione europea significherebbe infatti perdere diverse decine di milioni di euro. Proprio per questo la società bianconera potrebbe anche valutare di non spendere i 40 milioni di euro più 10 milioni di bonus per acquistare a titolo definitivo il giocatore.

La speranza per la Juventus e per i sostenitori bianconeri è però ovviamente che la squadra arrivi almeno al quarto posto anche perché attualmente l'Atalanta è distante tre punti anche se ha una partita in meno. Terzo invece è il Napoli, a +5 dalla Juventus. Di conseguenza i bianconeri possono ancora tranquillamente lottare per raggiungere uno dei primi posti in classifica e garantirsi la massima competizione europea.

Il resto del mercato della Juventus

Le indiscrezioni di mercato che parlano di un mancato riscatto del cartellino di Federico Chiesa non trovano riscontro fra i giornali sportivi italiani. Anche se non dovesse arrivare la Champions League, la società bianconera avrebbe infatti comunque un diritto di riscatto sull'acquisto del centrocampista offensivo, che molto probabilmente eserciterà.

Se sarà necessario monetizzare dalle cessioni, potrebbe essere il difensore olandese De Ligt a lasciare la società bianconera a giugno. È stato il suo agente sportivo Mino Raiola a parlare di una possibile nuova esperienza professionale per il difensore. La cessione di De Ligt potrebbe garantire una somma di circa 70 milioni di euro, somma che sarebbe utilizzata per rinforzare soprattutto il settore avanzato. I preferiti sono Gianluca Scamacca e Dusan Vlahovic.