Nelle scorse ore il giornalista sportivo Massimiliano Nerozzi è intervenuto ai microfoni della trasmissione Tutti Convocati e tornando sulla recente separazione tra la Juventus e Massimiliano Allegri ha sottolineato come la fine del rapporto tra le parti fosse inevitabile, in quanto rovinato da un'incompatibilità comunicativa. Di quanto accaduto tra il club piemontese ed il tecnico da Livorno ha detto la propria opinione a Fuori di Juve anche il presidente dell'assoallenatori Renzo Ulivieri.

Juventus, Massimo Nerozzi. 'La conclusione del rapporto con Allegri deriva da un'incomunicabilità'

Il giornalista sportivo Massimiliano Nerozzi è stato intervistato nelle scorse ore ai microfoni della trasmissione radiofonica Tutti Convocati e parlando della separazione tra Massimiliano Allegri e la Juventus ha detto: "Non è piaciuto a molti l'addio, nemmeno ad Allegri, è rimasto qui in città, ha parlato con alcuni tifosi e alcune persone e, anche lui, di alcune cose è pentito. Penso sia però stato un finale inevitabile tra Juve e Allegri: una conclusione sì triste, isterica, ma è la risultante di una incomunicabilità abrasiva". Nerozzi parlando poi dell'attuale guida tecnica della Juventus ha poi sottolineato: "Agnelli ha rimarcato la diversità col nuovo corso della proprietà.

Mi ha fatto piacere per Montero che si è prestato alla causa, non so che allenatore diventerà, ma ha sempre avuto attaccamento alla maglia, sarebbe stato brutto se avesse perso 3-0". Infine Nerozzi, parlando del prossimo allenatore della Juventus ha detto sottolineato come tutte le indiscrezioni porterebbero alla candidatura di Thiago Motta ma che l'italo-brasiliano sia conosciuto per essere un profilo particolarmente volubile.

Juventus, Ulivieri: 'Allegri ha sbagliato nei tempi e nei modi ma credo che abbia vissuto un periodo complicato'

Di quanto accaduto tra la Juventus e Massimiliano Allegri ha parlato in esclusiva ai microfoni di Fuori di Juve anche Renzo Ulivieri, presidente dell'assoallenatori: "Possiamo dire che Allegri ha sbagliato nei tempi e nei modi.

Aggiungo che Max viveva un periodo complicato, con tanta tensione accumulata e credo questa sia stata una concausa di ciò che ha fatto, non un motivo per giustificarlo. Rispetto a come ha agito la società, la stessa sceglie quando comunicare al proprio allenatore le sue decisione. Sotto questo aspetto, non esistono regole". Parlando poi dell'indiscrezione che vorrebbe Thiago Motta come il favorito per divenire il nuovo allenatore della Juventus, Ulivieri ha rivelato di non avere notizie a tal proposito.