Nelle scorse ore l'ex presidente del Genoa Enrico Preziosi ha parlato a Tuttojuve di Thiago Motta, sottolineando come l'italo brasiliano riuscirà certamente a fare meglio del suo predecessore Massimiliano Allegri, entrando nel cuore dei tifosi bianconeri. Del neo tecnico della vecchia signora, del suo stile di gioco e di Federico Chiesa, ha detto la propria opinione anche il conduttore televisivo Massimo Giletti.

Preziosi non ha dubbi: 'Thiago Motta non solo farà meglio di Allegri ma entrerà in breve tempo nel cuore dei tifosi'

L'ex presidente del Genoa Enrico Preziosi è stato intervistato nelle scorse ore in esclusiva ai microfoni di Tuttojuve e parlando di Thiago Motta e del suo approdo ufficiale alla Juventus ha detto: "La Juve ha fatto benissimo a metterlo sotto contratto e sono sicuro che sarà in grado di regalare enormi soddisfazioni ai suoi nuovi tifosi.

Può essere l'allenatore giusto per aprire un nuovo ciclo e dirò di più: sicuramente farà meglio di Allegri. Non posso che augurargli il meglio, Thiago è un grandissimo uomo e si farà rispettare in campo. Saprà entrare nel cuore dei suoi nuovi tifosi".

Preziosi quando era il presidente del Genoa ha avuto in rosa tra i propri calciatori Thiago Motta nella stagione 2008/09, l'ultima dell'italo-brasiliano con la maglia del "Grifone" prima che passasse all'Inter per vincere il triplete con José Mourinho.

Giletti su Motta: 'Un allenatore concreto che non propone calcio champagne e al quale dovranno acquistare dei centrocampisti'

Di Thiago Motta e del suo arrivo alla Juventus ha parlato anche il conduttore televisivo notoriamente vicino ai colori bianconeri Massimo Giletti: "Motta è estremamente concreto, non è calcio champagne.

Ho visto sempre una squadra con una gioco ben preciso, molto quadrata. Mi aspetto però degli acquisti veri a centrocampo. Douglas Luiz è un giocatore vero per esempio. Poi la squadra per il resto ci può stare, ma da troppo tempo mancano elementi importanti in mezzo. Manca un regista e senza non ho mai visto una squadra vincere".

Parlando poi della delicata vicenda inerente il rinnovo di Federico Chiesa, Giletti ha sottolineato come la Juventus potrebbe essere costretta a cedere il calciatore se egli continuasse a chiedere cifre estremamente alte per prolungare coi bianconeri. Secondo il conduttore inoltre Chiesa, un po' come Dybala, avrebbe sofferto in carriera di troppi stop muscolari, motivo per il quale dovrebbe abbassare le sue esigenze economiche. Infine, Giletti parlando di Dusan Vlahovic, ha evidenziato cone il centravanti serbo sia più importante e decisivo rispetto a Chiesa.