Al contrario delle manifestazioni violente della notte prima contro la decisione del Grand Jury che ha salvato il poliziotto accusato di aver ucciso un ragazzo di 18 anni che aveva le mani in alto, la notte scorsa si sono avute molte manifestazioni pacifiche. L'agente che si è difeso con un "ho fatto solo il mio lavoro", afferma di essersi sentito minacciato ed impaurito dalla reazione di Mike Brown, nonostante tutti i testimoni abbiano affermato il contrario. E la giuria ha dato ragione al poliziotto.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ma l'opinione pubblica americana non gli ha creduto. Dopo le sommosse nell'Illinois e l'arresto di molti manifestanti, a Seattle centinaia di studenti sono usciti dalle classi delle scuole superiori, si sono radunati nelle vicinanze della Washington University ed hanno marciato verso il tribunale federale del centro.

Nella notte molti manifestanti hanno creato cortei sventolando cartelli e gridando slogan come "mani in alto, non sparate!", che è diventato un grido di battaglia nelle proteste contro le uccisioni da parte di poliziotti in tutto il Paese.

A New York un uomo è stato arrestato per aver lanciato un vaso pieno di sangue finto che ha colpito il commissario di polizia William Bratton e il suo servizio di sicurezza. Per lo più pacifici manifestanti hanno marciato in mezzo al traffico, come a Times Square, controllati da vicino dalla polizia. Si sono tenuti raduni martedì a Newark, New Jersey; Portland, Maine; Baltimora e altrove. A Washington, un gruppo giaceva a terra per mettere in scena un "die-in" davanti alla questura. Il gruppo prevede di occupare diversi edifici nel quartiere.

"Mike Brown è un emblema.

I migliori video del giorno

Questo Paese è al suo punto di ebollizione", ha detto Ethan Giuria, un manifestante a Philadelphia, dove hanno marciato a centinaia. "Quante persone devono ancora morire? Quante persone di colore devono ancora morire?" A Los Angeles, le dimostrazioni sono state per lo più piccole e tranquille, ma circa 200 persone in marcia verso il centro città hanno brevemente interrotto l'Interstate 110.

Dopo la mezzanotte, gli ufficiali in tenuta antisommossa hanno sparato proiettili di plastica per disperdere circa 50 manifestanti dal centro. Il capo della polizia Charlie Beck ha detto che martedì non ci sono stati danni durante le manifestazioni di ore in tutta Los Angeles, ma tre persone sono state arrestate. Dopo una notte di manifestazioni a Chicago, decine di manifestanti furibondi contro la decisione del Grand Jury si sono accampati davanti alle porte dell'ufficio del sindaco Rahm Emanuel all'interno del Municipio e programmato di rimanere lì tutto il giorno e durante la notte.