In questi giorni più di un milione di persone si stanno recando in un tempio molto distante nel sud del Nepal, dove migliaia di animali verranno trasportati e macellati a partire da venerdì, come parte di un sacrificio rituale per onorare la dea indù Gadhimai. Questa mattanza si svolge ogni cinque anni. Nel 2009, l'ultima volta che il festival si è tenuto, uomini armati di spada hanno ucciso circa 250.000 bufali, pecore, capre e galline in una frenetica kermesse religiosa di due giorni, con migliaia di persone che guardavano.

Gli attivisti per i diritti degli animali hanno denunciato l'evento, che attira migliaia di devoti dal Nepal e dalle vicine regioni dell'India. Gadhimai è la dea indù del potere, e si ritiene che sacrificare un animale in suo onore porterà prosperità. Molti degli animali - la maggior parte dei quali sono cuccioli - vengono portati illegalmente oltreconfine dall'India. Il mese scorso, la Corte Suprema dell'India ha ordinato al governo di garantire che nessun bovino o bufalo vivo venga esportato dall'India verso il Nepal senza licenza, ed il Ministero degli Affari Interni ha inviato una pattuglia di frontiera al fine di garantire che "il movimento di bestiame per i sacrifici durante il Gadhimai Mela (Fiera di Gadhimai) sia bloccato."

Finora gli attivisti hanno detto che più di 2.000 animali sono stati sequestrati lungo il confine tra India e Nepal, e 100 persone arrestate.

"È follia, è davvero follia", ha detto Nuggehalli Jayasimha, direttore della Humane Society International of India, la cui sede è vicina al posto dove si svolgerà la fiera. "Non ci sono strade, non ci sono infrastrutture, non un solo autobus pubblico, senza servizi igienici e senza acqua potabile. Ci sono feci umane ovunque. Sono venute molte persone, ed ognuno sta portando un animale da sacrificare."

Jayasimha ha detto che gli attivisti pensano che ci sarà un calo di presenze al festival di quest'anno rispetto a cinque anni fa, quando si stima che abbiano partecipato 5 milioni di persone.

Jayasimha ha anche affermato che pensava che gli sforzi di controllo delle frontiere e delle campagne di sensibilizzazione pubblica in Nepal e in India avrebbero potuto avere qualche effetto. Ma il festival rimane un problema per la salute pubblica.

Più di 2.000 annutoli (cuccioli di bufalo) sono già stati rinchiusi in una enorme arena dove il rituale avrà inizio alle 03:00 di venerdì. Il sacerdote capo del tempio offrirà alla divinità le preghiere e si taglierà egli stesso per una offerta simbolica di sangue umano poco prima che gli animali vengano macellati.

Si comincerà prestissimo venerdì e si proseguirà per tutto sabato. In seguito, un imprenditore di carne nepalese avrà la carne e le pelli, mentre i crani dei bufali verranno accatastati in una fossa e adorati. Una petizione su Change.org per l'abolizione della fiera è iniziata il 31 ottobre ed ha raggiunto quasi 4.000 firmatari.

Segui la nostra pagina Facebook!