Il conducente di un furgone bianco si è schiantato contro un mercatino di Natale in Francia, a Nantes lunedì pomeriggio. In seguito è stato accoltellato più volte dalla folla inferocita. Sono rimaste ferite, oltre a lui, 10 persone presenti nell'affollato mercato. Il portavoce del ministero dell'Interno Pierre-Henry Brandet ha affermato che l'autista si è deliberatamente schiantato sulla folla e che ora è in gravi condizioni a causa delle pugnalate ricevute. Alcune immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza hanno mostrato un furgone Peugeot mentre andava a forte velocità nella piazza principale della città.

Il fatto criminale è arrivato dopo due altri attacchi nel weekend, il giorno dopo quello più grave a Digione nel quale 13 passanti sono stati investiti da un conducente fuori di sé che gridava invocazioni ad Allah.

Il giorno ancora prima nella periferia di Tours un altro uomo ha aggredito col coltello alcuni poliziotti ed è poi stato colpito a morte. Nessuna delle vittime tra i passanti è comunque morto durante questi attentati.

Si conoscono comunque maggiori particolari riguardo l'autista di Digione, che ha una lunga storia di gravi malattie mentali e nessun legame col terrorismo islamico. Ha 40 anni ed ha confermato il suo ruolo nell'attacco, figlio di origine francese di immigrati nordafricani, ha agito da solo ed a suo dire non avrebbe avuto motivazioni religiose, ma era rimasto sconvolto per il trattamento dei bambini ceceni.

"Allah u akbar" che gli hanno sentito urlare, lo avrebbe gridato per darsi coraggio e non per fede religiosa. Questi atti però hanno accresciuto il timore per nuovi attentati, in seguito ai rinnovati inviti da parte degli estremisti islamici a colpire l'Occidente proprio con coltelli ed automobili.

I migliori video del giorno

La polizia antiterrorismo sta studiando l'attacco di sabato contro il commissariato nel sobborgo di Tours, che ha ferito gravemente due ufficiali e lasciato un terzo con lesioni lievi.

L'assalitore, ucciso dalla polizia, è stato un ventenne proveniente dal Burundi, di nome Bertrand, convertito diversi anni fa all'Islam dal suo fratello diciannovenne Bryce, che è stato arrestato per essere interrogato.