Due colpi di pistola all'inguine sono stati fatali ad Alina Condurache, ventenne romena, deceduta all'ospedale San Giacomo d'Altopasso a Licata, in provincia d'Agrigento. La ragazza, quando i soccorsi sono giunti sul luogo del delitto, era già in gravi condizioni: subito dopo l'arrivo al Pronto Soccorso, nella serata di mercoledì 3 dicembre, è morta. Nel frattempo, dopo una lunga notte di interrogatori, il sostituto procuratore Andrea Maggioni ha disposto il fermo del fidanzato della vittima, indagato per omicidio. Sarebbe stato lui, infatti, a sparare ad Alina durante una violenta discussione.

Una crisi di coppia e l'omicidio durante l'ennesima lite

I due giovani, secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri, convivevano da circa tre anni.

Negli ultimi tempi, però, i rapporti si erano fatti molto tesi e spesso c'erano dei litigi. Mercoledì sera è scoppiata l'ennesima, furente lite in contrada Cipolla, nei pressi dell'azienda agricola gestita dalla famiglia di Angelo Azzarello, il convivente di Alina. Il giovane, poco più che ventenne, durante la violenta discussione, avrebbe impugnato la pistola e aperto il fuoco sulla povera Alina, colpendola con due colpi all'inguine. I primi a soccorrere la ragazza sono stati i suoi parenti che vivono nelle vicinanze dell'azienda agricola e hanno udito gli spari. Purtroppo, però, per la giovane c'era ormai poco da fare: trasportata in ospedale, è morta subito per un'emorragia interna causata dai colpi di pistola.

Le indagini e il fermo disposto nei confronti del fidanzato

I carabinieri hanno subito fatto scattare le indagini e hanno effettuato numerosi interrogatori per ricostruire la dinamica dell'omicidio e scoprire il colpevole.

I migliori video del giorno

Al termine delle indagini, gli inquirenti hanno trattenuto Angelo Azzarello, fidanzato e convivente della vittima e il sostituto procuratore ha deciso di fare scattare il fermo nei suoi confronti, come indiziato per l'omicidio di Alina Condurache. Al momento non è stata ancora rinvenuta la pistola con la quale è stata uccisa la ragazza.